Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Tra Catanzaro e Ischia vince la noia. Finisce 0-0 con u rigore sbagliato…

Tra Catanzaro e Ischia vince la noia. Finisce 0-0 con u rigore sbagliato…

Risultato a occhiali a Ischia, tra Ischia Isolaverde e Catanzaro. Zero a zero e poche emozioni, in una partita non certo divertente. Primo tempo di studio, quello tra le aquile e gli isolani. La prima metà è di marca giallo-blu. I padroni di casa, infatti, partono bene e si fanno subito vedere dalle parti di Bindi. Al 4′ Ciotola si libera bene del proprio marcatore, si invola verso l’area di rigore giallorossa e lascia partire un diagonale rasoterra molto insidioso che però si spegne a fondo campo.  Due minuti più tardi, al 6′, è Chiavazzo a chiamare in causa l’estremo difensore giallorosso. Il centrocampista dell’Ischia lascia partire un bel tiro dalla distanza ma non è fortunato, Bindi è attento. Poco altro da segnalare fino al 24′, quando Sirignano, quasi volesse fare un favore alla sua ex squadra, atterra Razzitti in area di rigore. Il signor Panarese fischia e assegna il tiro dagli undici metri agli ospiti. Dal dischetto va Russotto ma il suo tiro è fiacco e Mennella è bravo a intercettare. Si gioca molto a centrocampo e lo spettacolo ne risente. Nei minuti finali il Catanzaro prova a scardinare la difesa ischitana da calcio piazzato. Russotto e Squillace riescono a mettere dentro dei palloni interessanti ma prima Ilari e poi Rigione, mancano l’appuntamento col gol da dustanza ravvicinata. Zero a zero al termine della prima frazione di gara. La ripresa si apre nel segno della noia. Davvero difficile annotare un pericolo per i due portieri. Intorno all’ora di gioco ci prova Bruno con un tiro da fuori ma la palla esce addirittura in rimessa laterale. Partita scialba. L’Ischia ci prova più del Catanzaro e si fa vedere con Infantino che riesce per due volte, al 65′ e al 76′, a colpire di testa in area giallorossa. Bindi è attento e raccoglie la palla che arriva sempre debole tra le sue braccia. Ancora Ischia che ci prova da fuori, con Millesi e il solito Infantino. Ma ancora nessuna emozione per i tifosi presenti sugli spalti. I minuti finali sono tutti per il Catanzaro che si sveglia, troppo tardi, e si rende pericoloso con Mancuso e Mounard. In particolare, il francese, sciupa la palla della vittoria dopo essere entrato in area avversaria dalla sinistra. Bravo Mennella ma soprattutto Impagliazzo che sventa il pericolo in scivolata. Pareggio giusto. Partita brutta. Russotto ha sulle spalle la responsabilità del rigore sbagliato nel primo tempo.

 

ISCHIA (3-4-3): Mennella; Impagliazzo, Sirignano, Formato; Bruno, Gerevini, Chiavazzo, Armeno; Schetter, Infantino, Ciotola (Alvino). A disposizione: Giordano, Caso, Bassini, Iannascoli, Tomicic, Fumana. All.: Maurizi.

 

CATANZARO (4-4-2): Bindi; Daffara (Calvarese), Rigione, Ghosheh, Squillace; Ilari (Mounard), Giampà, Sarr, Russotto (Mancuso); Bernardo, Razzitti. A disposizione: Migani, Orchi, Giandonato, Caputa. All.: Sanderra.

 

ARBITRO: Panarese di Lecce.

 

AMMONITI: Razzitti (C), Sarr (C), Gerevini (I)