Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Calcio – Oggi Catanzaro-Melfi: obbligatorio vincere anche senza certezze
Catanzaro Calcio

Calcio – Oggi Catanzaro-Melfi: obbligatorio vincere anche senza certezze

Nel mese di gennaio, si sa, non ci sono certezze e ogni singolo giorno di mercato può riservare sorprese e stravolgere le rose delle squadre. È sicuramente quello che è successo al Catanzaro. Il mercato è ormai quasi finito e Sanderra si è visto passare davanti, in pochi giorni, due intere formazioni diverse. Il Catanzaro ha ceduto: Scuffia, Di Chiara, Ferraro, Ricci, Vacca, Morosini, Pacciardi, Maiorano, Pagano, Barraco, Martignago, Silva Reis, Fofana (13 calciatori). Un’intera squadra titolare, senza contare che Kamarà non scenderà più in campo, almeno per questa stagione.

Cosentino si è poi assicurato le prestazioni di altri 9 calciatori: D’Orsi, Ghosheh, Giandonato, Giampà, Zappacosta, Caputa, Mancuso, Mounard e Razziti. L’intento della società è chiaro. Mister Gicos ha voluto ridimensionare drasticamente il monte ingaggi e, purtroppo, anche le aspettative della squadra. È stata fatta una maxi rivoluzione in neanche un mese e ora tutti i “nuovi” dovranno entrare in condizione, assimilare gli schemi del mister e, soprattutto, trovare l’amalgama con il resto dei compagni.

Questo riassunto del mese di gennaio, ormai concluso, era necessario per far comprendere quanto sia difficile il contesto in cui Sanderra è costretto a lavorare e per dire che la partita di oggi contro il Melfi nasconde più di qualche insidia. I lucani, come il Martina Franca una settimana fa, premono alle spalle del Catanzaro e stanno lottando per mantenere la categoria. Vengono da 3 risultati utili consecutivi (2 vittorie e un pareggio) e sono in un buon memento di forma.

Il Catanzaro però gioca in casa e deve vincere per rientrare nella mentalità da campionato. Difficile azzardare l’undici titolare. La partita di oggi è un po’ come la prima di campionato, quando c’è attesa per i nuovi acquisti e il nuovo allenatore. Contro il Melfi sarà un po’ così, sarà un po’ come la prima di campionato del nuovo Catanzaro. Più umile sicuramente ma speriamo anche più entusiasmante.