Home / Sport Strillit / BASKET / PalaCalafiore in delirio! La Viola batte Pescara (88-83) e vola in semifinale

PalaCalafiore in delirio! La Viola batte Pescara (88-83) e vola in semifinale

di Gianni Tripodi – Game, set and match! Non gli è bastato arrivare ai playoff dopo sette anni di assenza, il team di coach Mecacci ha voluto strafare conquistando l’accesso alle semifinali. Davanti allo straordinario pubblico del PalaCalafiore la Viola archivia in due gare la pratica Pescara (88-83) e si prepara adesso ad affrontare la vincente della serie tra Caserta e Nardò (1-0). Una vittoria che ha un sapore davvero particolare per un gruppo di uomini che, nonostante tutte le mille problematiche societarie, non si è mai tirato indietro e sta continuando a far sognare la tifoseria reggina. I neroarancio affondano gli abruzzesi con un super quarto quarto da 32 punti e le cinque triple di un pazzesco Tommaso Carnovali da 25 punti finali che è l’MVP del match, pesano come un macigno per Pescara le 17 palle perse e l’assenza di Potì (il migliore in gara 1) assente per infortunio. Avvio da incubo per i neroarancio che iniziano gara2 forzando al tiro con il 20% dal campo e il 13% dalla lunga, Pescara difende fortissimo e finalizza in attacco con i canestri di Leonzio firmando un parziale di 1-9, servono le triple di Carnovali e Nobile a ridurre il gap, 14-16. Nel secondo quarto la Viola inizia ad aumentare l’intensità difensiva e trova il sorpasso con la tripla di capitan Fallucca (+1), gli abruzzesi guidati da Capitanelli accorciano le distanze, ma soffrono la presenza sotto canestro del duo Fall (11) – Paesano (13) che porta il team di Mecacci sul +8 all’intervallo lungo. Dal rientro sul parquet è una Viola d’assalto, Pescara in netta difficoltà, tre triple consecutive di un pazzo Carnovali fanno volare la Viola sul +16, quinto fallo di Capitanelli che mette nei guai gli ospiti. Nell’ultimo quarto Carnovali continua a bombardare dalla lunga (23 punti), i neroarancio perdono Fall espulso dopo l’antisportivo, sotto di diciannove lunghezze Pescara non molla la presa e riesce ad arrivare al -5 con un super Leonzio (27 punti) a 13” dal termine, Mecacci striglia i suoi dalla panchina, Fallucca e compagni non perdono la testa e portano a casa il successo (88-83). La Viola vola così in semifinale, incontrerà presumibilmente Caserta, avanti 1-0 nella serie contro Nardò, che giocherà domani gara 2.

 

Serie B – Playoff Tabellone D – Quarti di Finale Gara 2

Mood Project Viola Reggio Calabria – Unibasket Amatori Pescara 88-83

Parziali: 14-16, 41-33, 67-51, 88-83

Mood Project Viola Reggio Calabria: Ciccarello ne, Alessandri 6, Grgurovic ne, Fall 11, Fallucca 13, Agbogan 5, Carnovali 25, Paesano 20, Nobile 6, Vitale 2, Muià ne

Coach: Matteo Mecacci

Assistenti: Giuseppe Trimboli e Pasquale Motta

Unibasket Amatori Pescara: Gay 10, Carpanzano 11, D’Eustachio ne, Serafini 6, Potì ne, Caverni 5, Capitanelli 8, Leonzio 27, Pedrazzani 10, Micevic 6

Coach: Stefano Rajola

Partenza da incubo per i neroarancio che vanno subito sotto, cinque punti consecutivi di Leonzio e Serafini dalla media per l’1-7, immediato timeout Mecacci. Capitanelli allunga, difesa ospite impenetrabile, Fallucca e Agbogan sbagliano troppo, 1-9. Fall sblocca il digiuno da sotto, tripla di Carnovali del -3 a scuotere i compagni, 8-11. L’ex Micevic a colpire, tripla di Nobile del -2 e la Viola riduce il gap, timeout Pescara. Nobile dalla lunetta per il -1, tripla di Carpanzano del nuovo +4, 14-16. Secondo quarto: Carnovali per la parità, Micevic e Leonzio provano ad allungare, tripla del capitano del -1, Carnovali per il sorpasso del 21-20, ritmi altissimi sul parquet, Fall show con il gioco da tre punti, sul +5, timeout Pescara. Capitanelli con due canestri consecutivi a ridurre lo svantaggio, punteggio basso, Fall e Paesano per il +5, tripla di Paesano del +8. Gioco da tre punti di uno scatenato Paesano del 37-26, Leonzio e Carpanzano con un parziale di 5-0, timeout Mecacci. Carnovali e Nobile per il +10, Gay allo scadere per il -8 e si va negli spogliatoi. Terzo quarto: Paesano da sotto e la tripla di Fallucca fanno volare la Viola sul +13, Pescara si affida a Capitanelli che esce dopo poco per falli, Agbogan per il +13, terzo fallo per Paesano, 52-39. Pescara in tilt, la tripla di Agbogan del +15 fa scoppiare il PalaCalafiore, timeout Rajola. Gai e Pedrazzani a ridurre il gap, Carnovali da pazzi con due triple consecutive del 62-48, tecnico a Vitale per proteste, Paesano con l’appoggio, tripla di Carnovali del +18, Gay allo scadere, 67-51. Quarto quarto: Carnovali con la tripla del +19, espulso Fall per antisportivo, Paesano dalla lunetta (2/2), il gioco è spezzettato, tripla di Gai ad accorciare per il -13, Fallucca con un canestro essenziale, Serafini con forza, quinto fallo per Gai, Paesano allunga dalla lunetta per il +16, 80-64. Serafini e Micevic a ridurre il gap per il -12 e Mecacci chiama il timeout. Pescara sul -10, quinto fallo anche per Serafini, tecnico ad Alessandri per simulazione, la gara si infiamma, gioco da tre punti di Pedrazzani che vale il -8 Pescara, Carnovali a togliere le castagne dal fuoco sull’84-76. Alessandri con l’aiuto della tabella, quarto e quinto fallo per Alessandri in un amen, Pescara sul -6 a 42” dal termine, Vitale da sotto, ma la tripla di Carpanzano è del -5 a 13”, Paesano e Vitale fanno 0/2 dalla lunetta, non c’è più tempo, la Viola vola in semifinale, finisce 88-83.