Home / Sport Strillit / BASKET / Viola – Tutto già finito? Sembrerebbe di si

Viola – Tutto già finito? Sembrerebbe di si

di Gianni Tripodi – Si è svolta pochi minuti fa presso la Sala riunioni del Pianeta Viola l’attesissima conferenza stampa di Aurelio Coppolino per fare chiarezza su quello che sta accadendo. Una situazione senza via d’uscita, preoccupante che non lascerebbe più soluzioni.

“Questa società non può andare avanti”.

“Se io avessi saputo che c’erano 820 mila euro di debiti inerenti al PalaCalafiore e al Pianeta Viola ci avrei riflettuto. Non mi è stato detto nulla in fase di acquisizione della società. Per un totale di un milione e settecento mila euro, somma non imputabile all’attuale società e non comprendente il budget previsto”.

Inutile nasconderlo, il milione e settecento mila euro preclude la continuazione della stagione, il momento è critico.

Per questo motivo Coppolino il 22 ottobre ha presentato esposto alla procura di Reggio per tutelare l’attuale società da debiti pregressi.

Un fallimento formale per responsabilità con errori di valutazione a monte.

Dal 19 settembre l’attuale società ha ricevuto continue notifiche e atti ingiuntivi che hanno metto a rischio tutto il progetto.

“Io rispondo dal 4 luglio 2018 in avanti, non mi prendo in carico debiti che non mi appartengono. Siamo indietro di due mensilità, una situazione già estremamente complicata”.

Il budget iniziale era di 650 mila euro di cui 300 mila euro di Coppolino, 150 mila euro che sarebbero arrivati dall’area marketing, 30 mila euro arrivati dagli abbonamenti, più altre entrate.

“Non ho incontri con il sindaco da parecchie settimane, non abbiamo atto, concessione e affidamento del palazzetto che la Lega richiede.
Dall’inizio del campionato stiamo giocando al PalaCalafiore con deroga”

“La vecchia proprietà ritiene di non dover rispondere ai debiti del Pianeta Viola, è una situazione ambigua”.

“L’unica soluzione possibile? Un confronto imminente in primis con il sindaco e poi con la vecchia proprietà per cercare dove possibile di trovare delle soluzioni”.

“Se dovessi rinunciare ci sarebbero degli effetti nefasti sia per la Viola che per me, se c’è volontà di trovare una soluzione per cercare di poter salvare una stagione bene, altrimenti non ci sono più vie d’uscita”