Home / Sport Strillit / BASKET / La Viola non vuole fermarsi, vuole i playoff. Domani arriva Trapani (ore 18)

La Viola non vuole fermarsi, vuole i playoff. Domani arriva Trapani (ore 18)

di Gianni Tripodi – Gara fondamentale in ottica playoff, pronti per il rush finale. Bilancio di quattro vittorie e una sola sconfitta negli ultimi cinque incontri per il team di coach Calvani che, dopo la sosta forzata a causa del reinvio della gara della ventisettesima giornata contro Treviglio (recupero il 19 aprile alle 21), torna finalmente sul parquet. Domani pomeriggio alle 18 al Pala Calafiore arriverà la Lighthouse Trapani, compagine in piena lotta per accedere alla post season così come i nero arancio e per questo motivo sarà una sfida dall’alto coefficiente di difficoltà, da affrontare con la giusta concentrazione e determinazione. Inutile nascondere che il pensiero di tutti i tifosi va alla giornata di lunedì alle ore 14, a Roma, dove è stata fissata la prima udienza per la “vicenda fidejussione”, si attende pertanto la decisione del Tribunale Federale della FIP per capire meglio cosa dovrà attendersi la Viola da qui alla fine del campionato. Nel frattempo però bisognerà penserà alla sfida contro i siciliani, il pubblico del Pala Calafiore dovrà continuare a supportare il team di coach Calvani e spingerlo sempre più in alto. L’avversario – Due punti in meno in classifica rispetto alla Viola per la Lighthouse a quota 28 che è in piena corsa playoff e punta dritta alla sesta posizione. I siciliani arrivano a questa sfida dopo aver ottenuto per un solo soffio il successo contro la Leonis Roma (90-89), è una compagine solida e molto ben organizzata che gioca con grande aggressività e fisicità. Lo starting five di coach Parente è composto dal play americano Brandon Jefferson (15.1), gli esterni Kenneth Viglianisi (7.2) e Gabriele Ganeto (9.3), mentre sotto canestro il duo stellare composto dal colored Perry (14.2) assieme ad uno dei migliori lunghi del girone, il centro Andrea Renzi (15.8). Precedente – Bruttissima prestazione nella gara d’andata giocata in terra siciliana per i nero arancio che, mai in partita, crollarono sotto i colpi di uno scatenato Renzi da 22 punti con l’8/8 dal campo. Con quel pesante ko (88-74) la Viola chiuse il 2017 a digiuno di vittorie in trasferta con soli 10 punti in una classifica che iniziava a diventare preoccupante. Calvani è convinto che la partita di domani sarà diversa, è un’altra Viola rispetto a quella vista a dicembre, c’è maggiore consapevolezza nei propri mezzi e una grande voglia di continuare a stupire. Un successo domani, vicenda fidejussione permettendo, potrebbe già garantire l’accesso ai playoff, Fabi e compagni con grande professionalità cercheranno di conquistare i due punti per far continuare a sognare i propri tifosi, palla a due domani alle 18.