Home / Sport Strillit / BASKET / La Viola rialza la testa, espugnata Siena (77-83)

La Viola rialza la testa, espugnata Siena (77-83)

di Gianni Tripodi – Contro tutto e tutti. I nero arancio non si fanno distrarre dalla preoccupante vicenda fidejusssione e centrano un successo straordinario espugnando con la forza del gruppo il Pala Estra di Siena (77-83). Massima concentrazione dal primo all’ultimo minuto di gioco per il team di coach Calvani che gioca e si diverte, tutti sono protagonisti, nessuno escluso, con ben sette uomini in doppia cifra (Baldassarre 15, Caroti 14, Roberts 13, Fabi 11, Pacher 10, Benvenuti 10 e Rossato 10). Una vittoria importantissima perché arrivata in un momento certamente non facile che riscatta così il ko casalingo contro Latina e rilancia la Viola al quinto posto in classifica in piena corsa playoff a quota 30 punti in compagnia di Tortona. Inizio in salita per i nero arancio che subiscono un immediato parziale di 9-2 con i lunghi Ebanks e Vildera grandi protagonisti, con il passare dei minuti trascinati dalle giocate di Patrick Baldassarre, 8 punti con due triple, i nero arancio prendono fiducia e riescono con capitan Fabi e Benvenuti a passare avanti nel match, +6. Nella seconda frazione Siena si riavvicina pericolosamente con Vildera che domina a rimbalzo (8 totali di cui ben 5 offensivi) e con il ceco Kyzlnk che colpisce dalla lunga, sul -1 la Viola non accusa il colpo, reagisce e va all’intervallo lungo sul +6. Dal rientro sul parquet Ebanks (16 punti) prova a monopolizzare l’attacco senese, ma è troppo solo, la Viola rimane compatta e gioca da vera squadra, Pacher (10 punti) inizia a fare la voce grossa sotto canestro mentre la difesa di Rossato è da manuale del basket, ritmi di gioco altissimi e la gara diventa bellissima, la tripla senza ritmo di Roberts vale il +13, la Viola è padrona del match. Nell’ultimo quarto Siena prova a non perdere la testa, con Ebanks e Kyzlink arriva sul -8, ma arriva il “Baldassarre Show” con sette punti consecutivi a regalare il massimo vantaggio ai suoi (+15). Trascinati dal pubblico del Pala Estra i senesi non vogliono sventolare bandiera bianca, Sandri e Ebanks sono gli ultimi ad arrendersi, -11. Nel momento più difficile del match esce fuori il talento cristallino di Chris Roberts, tripla e schiacciata da capogiro che affonda di fatto Siena, finisce 77-83. Prossimo incontro sabato 31 marzo alle ore 20.30 in trasferta a Treviglio.

26° Giornata – Serie A2 – Old Wild West – Gir. Ovest

Soundreef Siena – MetExtra Viola Reggio Calabria 77-83

Parziali: 20-26, 37-43, 55-66, 77-83

Arbitri: Alessandro Costa di Livorno, Umberto Tallon di Bologna e Daniele Yan Yao di Vigasio

Soundreef Siena: Ebanks 25, Kyzlink 15, Borsato 3, Sandri 7, Vildera 14, Lestini 2, Saccaggi 5, Cepic ne, Casella ne, Simonovic 6, Lurini ne, Costi ne

Coach: Matteo Mecacci

MetExtra Viola Reggio Calabria: Caroti 14, Rossato 10, Benvenuti 10, Pacher 10, Roberts 13, Taflaj ne, Fabi 11, Carnovali 5, Baldassarre 15, Agbogan,

Coach: Marco Calvani

 

Partenza razzo di Siena con un 5-0 firmato Vildera-Ebanks, i primi punti per i nero arancio arrivano dalla lunetta con capitan Fabi (2/2), i lunghi senesi trovano spazio sotto canestro e portano i padroni di casa sul 9-2, timeout immediato per Calvani. Sono i cinque punti consecutivi di Baldassarre a spezzare il ritmo di Siena che inizia a difende a zona (9-7), con la tripla di Caroti è contro break Viola (8-0) che passa a condurre il match, 9-10, timeout Mecacci. Primi punti per Pacher e tripla per Fabi, il gioco da tre punti di Kyzlink ad accorciare, 13-15, Benvenuti dalla panchina regala il +6 alla Viola. Botta e risposta dalla lunga tra Kyzlink e Baldassarre, ritmi di gioco altissimi, il canestro allo scadere da Rossato fa saltare in piedi tutta la panchina, 20-26. Secondo quarto: Spazio per Agbogan, Vildera (2/2) e Benvenuti (2/2) dalla lunetta con la Viola che rimane avanti di sei lunghezze, si sblocca finalmente Chris Roberts (1/4), tripla importantissima del 24-31. Gioco da tre punti di Ebanks a ridurre il gap, Baldassarre per l’assist a Pacher che va a schiacciare per il +7, Siena forza dalla lunga con Kyzlink, è Vildera da sotto a riportare i suoi sul -3, 30-33. Super Rossato con l’appoggio, con i padroni di casa che iniziano ad avvicinarsi pericolosamente sono i tre liberi di Caroti a ridare slancio alla Viola del nuovo +6. Fiamma senese con Sandri che stoppa Benvenuti, i cinque punti di fila di Kyzlink valgono il -2, 36-38, Vildera domina a rimbalzo, -1. Terzo fallo per Sandri, Siena spara a salve dalla lunga (2/13) la Viola riesce ad andare all’intervallo lungo sul +6, 37-43. Terzo quarto: In avvio è l’americano Ebanks a cercare di monopolizzare l’attacco senese, con Caroti e Pacher i nero arancio tengono a distanza i padroni di casa, ritmi altissimi, tripla importantissima e difesa capolavoro di Rossato. Sul 46-53 quattro falli per Vildera e Saccaggi, sono otto i punti di vantaggio per la Viola, tripla di Borsato per il -4, la gara si infiamma, la schiacciata di Pacher per il 51-57. Gara bellissima, Rossato e Pacher sono stratosferici e la Viola raggiunge il massimo vantaggio sul +12, Kyzlink ad accorciare, tripla senza ritmo di Roberts del +13 che ormai è padrona del match, 55-66. Quarto quarto: Rossato subisce fallo in attacco da Kyzlink, tripla di Fabi con estrema facilità che allunga sul +14, fiammata Siena con Ebanks e Lestini nel miglior momento della Viola, sul 59-69, timeout Calvani. Kyzlink per il -8, cinque punti consecutivi di Baldassarre a ridare slancio ai suoi per il +13, no look di Roberts per Baldassarre che realizza il +15. Sandri e Ebanks per il -11, tripla di Roberts che affossa Siena del nuovo +14, 65-79. La Viola non molla, schiacciata di Roberts del 68-81, quinto fallo di Saccaggi, i nero arancio chiudono il match con Caroti, finisce 77-83.