Home / Sport Strillit / BASKET / Crisi senza fine per la Viola: sconfitta da Rieti, la salvezza è lontana

Crisi senza fine per la Viola: sconfitta da Rieti, la salvezza è lontana

di Gianni Tripodi – Il momento è critico, la reazione c’è stata, ma non è bastata. Al Pala Sojourner di Rieti arriva la settima sconfitta consecutiva per i nero arancio che non riescono ad uscire da una crisi nerissima e ad allontanarsi dalla zona playout. Gara dai due volti per la Viola, il neo arrivato Gilbert dopo lo 0/2 iniziale si scuote realizzando 8 punti (due triple), con il passare dei minuti i nero arancio si spengono, una difesa inesistente e l’assenza di schemi in attacco consentono a Rieti di prendere il largo con i canestri dalla lunga (9/18) che puniscono la difesa a zona di Paternoster, arrivando sul +23 con i 19 punti di uno scatenato Pepper. Nel secondo periodo arriva la reazione tanto attesa, momento di tensione sul parquet tra Baldassarre e Marulli, le giocate di capitan Fabi e Gilbert scuotono i compagni, il parziale di 6-20 serve ad accorciare le distanze, sul -7 si riapre il match e la Viola inizia a crederci. Nell’ultimo quarto i nero arancio non riescono a mantenere la stessa intensità e con la forza della disperazione guidati da un super Gilbert riescono ad arrivare sul -5 a 38” dal termine, Rieti non molla la presa, gestisce il vantaggio e porta a casa la vittoria, finisce 102-94. Ottimo esordio in canotta nero arancio per l’americano Marcus Gilbert che chiude con 31 punti (13/20) e 8 rimbalzi, bene capitan Fabi con 25 punti e il 6/11 dalla lunga, solo quattro minuti sul parquet per il reggino Marco Laganà escluso dalle rotazioni. Per la quarta gara consecutiva non pervenuto Alan Voskuil (5 punti con il 2/7 dal campo), la guardia che avrebbe dovuto sostituire Alex Legion è solo un’ombra sul parquet (vicino al taglio?). Prossimo turno domenica 26 febbraio al Pala Calafiore contro Roma.

22° Giornata – Serie A2 Girone Ovest

NPC Rieti – Viola Reggio Calabria 104-96

Parziali: 23-18, 54-33, 71-61, 104-96

Arbitri: Martino Galasso di Siena (SI), Claudio Di Toro di Perugia (PG) e Marcello Callea di Porto Torres (SS)

NPC Rieti: Zanelli 16, Chillo 4, Della Rosa 2, Pepper 30, Pipiton3 12, Casini 23, Benedusi ne, Eliantonio, Sims 17, Finizii ne, Trevisan ne

Coach: Luciano Nunzi

Viola Reggio Calabria: Voskuil 5, Gilbert 31, Taflaj, Fabi 25, Marulli 11, Laganà, Babilodze ne, Guaccio ne, Guariglia 8, Caroti 9, Pandolfi ne, Baldassarre 7

Coach: Antonio Paternoster

Marulli in cabina di regia al posto di Caroti con Voskuil e Gilbert sugli esterni e Fabi e Baldassarre sotto canestro. L’avvio del match è tutto per i padroni di casa, 6-0 di parziale firmato Peppers-Sims con Gilbert che forza le conclusioni (0/2) arriva il timeout immediato di Paternoster. Pepper è scatenato (4/4), dopo i primi errori Gilbert si carica la squadra sulle spalle, due triple consecutive e un canestro da sotto che vale il -3, 11-8. La Viola inizia a crederci e arriva al -1 con Baldassarre, Sims e Pepper (14) puniscono la difesa dalla lunga distanza, e creano l’allungo, +8, bene il giovanissimo Guariglia ad accorciare le distanze, 23-18. Secondo quarto: Zanelli infila tripla con Rieti che tira con il 50% dalla lunga, Baldassarre lotta come un leone sotto canestro, i padroni di casa arrivano al massimo vantaggio (+13) con i canestri di Pepper e Casini, timeout Viola, 36-23. Nero arancio in totale confusione (solo 7 punti), Casini è scatenato, le sue due triple consecutive affondano la Viola, la schiacciata di Pipitone vale il +23, 48-25. Crescono le percentuali dalla lunga di Rieti (56%), Paternoster non riesce a scuotere i suoi che non ci sono più con la testa, 31 punti subiti e solo 15 realizzati, si va all’intervallo sul 54-33. Terzo quarto: capitan Fabi è l’ultimo a mollare (due triple consecutive), Rieti continua a martellare il canestro, momento di tensione tra Baldassarre e Marulli con il primo che cerca di scuotere il compagno, 58-41. Parziale di 11-0 per la Viola guidata da Fabi che rientra nel match, Rieti è in difficoltà, la tripla di Gilbert vale il -7, brutta tegola per Paternoster con il quarto fallo di Fabi, 66-57. La schiacciata di Gilbert e il canestro di Caroti valgono il -8, Zanelli allo scadere vale il +10. Quarto quarto: Fabi e Baldassare sul parquet con quattro falli, i nero arancio sembrano rallentare, Pepper riporta i padroni di casa sul +12, timeout Paternoster. Gioco da tre punti di Marulli ad accorciare le distanze, Pepper tiene avanti i suoi nonostante le belle giocate dell’americano Gilbert, 82-68. La Viola prova con la forza della disperazione a ridurre il gap, arrivando anche sul -5, ma non basta, finisce 104-96.