Home / Sport Strillit / BASKET / La Viola sprofonda nel baratro, Casale Monferrato espugna il Pala Calafiore

La Viola sprofonda nel baratro, Casale Monferrato espugna il Pala Calafiore

di Gianni Tripodi – Fischi a fine a gara. Crisi nerissima per i nero arancio che non riescono a rialzarsi nella gara più importante e delicata della stagione in cui bisognava dare la scossa e che ha invece acuito per l’ennesima volta i problemi di una squadra senza più un’anima. Al Pala Calafiore, contro Casale Monferrato (60-67) arriva così la sesta sconfitta consecutiva e a nove giornate dal termine del campionato con una classifica sempre più imbarazzante, la salvezza diventa adesso un’impresa più che ardua. Quanti attorno al “giocattolo” nero arancio avevano riposto speranze, entusiasmi e voglia di crederci sembrano ormai essersi stancati. Se nei prossimi incontri non arriverà una reazione d’orgoglio si potrebbero aprire scenari sino a poco tempo fa impensabili, adesso diventa davvero durissima. Una gara sempre in salita per i nero arancio che sono sempre a rincorrere l’avversario, non bastano le generose prove di Fabi (15) e Radic (16) ad evitare la sconfitta, Voskuil delude ancora una volta 2 soli punti con l’1/7 dal campo. Prossimo turno domenica 19 febbraio in trasferta a Rieti.

21° Giornata – Serie A2 Girone Ovest

Viola Reggio Calabria – Novipiù Casale Monferrato 60-67

Parziali: 15-16, 32-39, 41-53, 60-67

Arbitri: Gianfranco Ciaglia di Caserta (CE), Daniele Caruso di Pavia (PV) e Paolo Lestingi di Anzio (RM)

Viola Reggio Calabria: Radic 16, Taflaj ne, Pandolfi ne, Caroti 10, Fabi 15, Baldassarre 10, Guariglia 2, Guaccio ne, Voskuil 2, Marulli 2, Babilodze ne, Laganà 3

Coach: Antonio Paternoster

Novipiù Casale Monferrato: Tolbert 16, Nikolic 2, Denegri, Tomassini 2, Natali 8, Blizzard 12, DI Bella 2, Martinoni 14, Severini 4, Valentini 7, Bellan ne

Coach: Marco Ramondino

Dopo il primo canestro iniziale di Natali, botta e risposta dalla lunga distanza tra Caroti e Martinoni, 3-5 nei primi 3’ di gioco. Punteggio basso e squadre che forzano le conclusioni (2/6), Radic entra in partita con un canestro appoggiato alla tabella, 5-5. I nero arancio lottano su ogni pallone con la gara che rimane in grande equilibrio, con Tolbert e Baldassarre a realizzare da sotto si rimane in parità, i cinque punti consecutivi di Martinoni portano gli ospiti avanti nel match, 9-14, +5. Arriva il secondo fallo per Fabi, Severini con il gioco da tre punti a tenere ancora avanti i suoi, ci pensano Marulli appena entrato e Radic a ridurre il gap, -1. Secondo quarto: Due canestri di Tolbert danno l’allungo a Casale e arriva immediato il timeout di Paternoster. Viola in confusione a digiuno di punti da 5’, continua invece il buon momento ospite è Blizzard a realizzare dalla media, ci pensa Fabi a rompere il digiuno con la tripla nell’angolo, 18-22. Disattenzione difensiva dei nero arancio che consentono a Natali di realizzare la tripla facile, Laganà forza in attacco e Casale ne approfitta per portarsi sul +7 a 3’30” dal termine. Caroti di forza in penetrazione e Valentini a colpire dalla lunga, Blizzard centra il fortunoso gioco da tre punti portando Casale sul +9. Piovono triple al Pala Calafiore, Fabi e Caroti rispondono a Valentini, si va all’intervallo sul 32-39. Terzo quarto: Nero arancio sfortunati in attacco, ci pensa Radic con la schiacciata a smuovere la retina, Valentini a realizzare per Casale, primi punti per Voskuil con Marulli e Fabi a caricare la tifoseria, 36-41. Difesa nero arancio disunita, Martinoni e Tolbert a punirla per il nuovo +9 a 3’25” dal termine. Tecnico fischiato a Baldassarre per proteste, la gara si infiamma, lo stesso Baldassare nell’azione successiva va ad infilare la retina e caricare il pubblico del Pala Calafiore, il gioco da tre punti di Tolbert e il canestro di Blizzard per il +12, max vantaggio. Quarto quarto: Martinoni a segno per il +14, botta e risposta tra Martinoni e Laganà dalla lunga, 44-58. Viola in netta difficoltà, Tolbert trova il canestro del +16, Baldassarre e Radic cercano di scuotere i compagni, ma la tripla di Martinoni è letale, 51-65 a 2’32 “dal termine. La Viola è scarica e non riesce nella rimonta, Fabi con cinque punti consecutivi, ma non basta, Casale gestisce saggiamente il vantaggio, finisce 60-67.