Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – Viola asfaltata dalla capolista Biella (96-61)

Basket – Viola asfaltata dalla capolista Biella (96-61)

di Gianni Tripodi – Nulla da fare per i nero arancio nella trasferta di Biella dove un’inarrestabile Angelico domina il match andando a vincere con il pesantissimo punteggio di 96-61. La Viola rimane in partita per soli 8 minuti, quelli del primo quarto (18-18), dopodiché Biella spinge il piede sull’acceleratore non voltandosi più indietro. I padroni di casa mettono subito le cose in chiaro chiudendo il primo periodo sul +20, dal rientro sul parquet non arriva la reazione di Radic e compagni che in totale confusione vanno sotto di ben 32 punti, un pesante passivo che la Viola non riesce a ridurre nell’ultimo quarto, lo scarto finale è di 35 punti. Pesa come un macigno la netta differenza a rimbalzo, soprattutto nei primi venti minuti di gioco, che dà il via alla supremazia dei padroni di casa, 13 rimbalzi contro i 25 dell’Angelico di cui 11 in attacco. Già con le valigie in mano uno scarico Alex Legion chiude con 24 punti. Arriva così la seconda sconfitta consecutiva dopo quella di Legnano per la Viola che rimane ferma a quota 12 punti al terz’ultimo posto in classifica. Presente in tribuna David Hawkins a seguire il match accanto al presidente Raffaele Monastero, il “falco” tornerà a Reggio con la squadra per iniziare il periodo di prova, se verrà ritenuto idoneo dalla staff tecnico nero arancio verrà ingaggiato fino al termine della stagione. Prossimo turno domenica 22 gennaio al Pala Calafiore contro l’Unicusano Roma.
17° Giornata – Serie A2 Girone Ovest
Angelico Biella – Viola Reggio Calabria 96-61
Parziali: 26-19, 51-31, 73-41, 96-61
Arbitri: Gianluca Gagliardi di Anagni (FR), Pasquale Pecorella di Trani (BT) e Alessandro Buttinelli di Cerveteri (RM)
Angelico Biella: Ferguson 22, Tessitori 21, Massone 11, Udom 10, Venuto 9, Wheatle 8, Hall 7, Pollone 4, Rattalino 4
Coach: Michele Carrea
Viola Reggio Calabria: Legion 24, Radic 15, Guariglia 9, Lupusor 4, Micevic 4, Guaccio 2, Caroti 2, Mazic 1, Taflaj, Babilodze,
Coach: Antonio Paternoster

Marko Micevic in quintetto al posto di Mazic assieme ai confermati Caroti, Legion, Lupusor e Radic. I nero arancio partono forte senza nessun timore, Radic e Legion rispondono colpo su colpo alle giocate di Biella trascinata da Tessitori (8 punti e 2 falli commessi), 17-16 a 4’06” dal termine. Paternoster fa riposare Caroti e Radic ed inserisce sul parquet Mazic e Guariglia (dal rientro dell’infortunio), i padroni di casa iniziano a correre e arrivano sul +7 con i canestri di Udom e Ferguson, 26-19. Nel secondo quarto Biella prova ad incrementare il vantaggio, è un attivissimo Guariglia sotto canestro a tenere a contatto le due squadre, sul -5, uno scontro tra Hall e lo stesso Guariglia costa un antisportivo fischiato al giovanissimo nero arancio, i padroni di casa ne approfittano volando sul +10, Ferguson e Udom sono scatenati. Viola scarica, Lupusor e Radic sbagliano troppo sotto canestro, -15 a 3’56” dal termine. La reazione dei nero arancio non arriva, tanta sofferenza a rimbalzo (24 a 13) e l’Angelico spinge il piede sull’acceleratore con Ferguson e Tessitori e vola sul +20, si va all’intervallo sul 51-31. Dal rientro sul parquet Hall e Ferguson continuano a macinare punti e portano l’Angelico sul +27, i nero arancio sono fuori dal match. Notte fonda al Biella Forum per la Viola che va sotto di ben 33 punti con ancora 5’34” da giocare, antisportivo di Lupusor su Udom, squadra nervosa e in confusione, spazio anche per Guaccio, 73-41. Quarto quarto: Garbage time negli ultimi dieci minuti di gioco per l’Angelico a gara ormai terminata, la Viola non riesce a ridurre l’ampio gap, finisce 96-61.