Home / Sport Strillit / BASKET / Basket, la Viola inizia bene il 2017 e batte Agropoli nello scontro salvezza

Basket, la Viola inizia bene il 2017 e batte Agropoli nello scontro salvezza

 di Gianni Tripodi – Niente carbone nel giorno dell’epifania, la befana sorride ai nero arancio. Nella delicatissima sfida salvezza contro Agropoli la Viola ottiene una fondamentale vittoria (81-62) al Pala Calafiore sfoderando una super prestazione di squadra. Inizia nel migliore dei modi il girone di ritorno per il team di coach Paternoster che sale a 12 punti in classifica scavalcando Agropoli che rimane così ferma a quota 10. C’era tanta attesa per vedere giocare Alex Legion dopo una settimana in cui è stato l’assoluto protagonista dei rumors di mercato. Dal 23 gennaio dovrebbe diventare ufficialmente un giocatore della Fortitudo Bologna con cui ha già trovato un accordo fino alla fine della stagione, ma contro Agropoli gioca con grande professionalità sui suoi standard, 22 punti con il 62% dal campo.

Con Fabi non al meglio spazio nel quintetto inziale per Mazic (28 minuti), sono Caroti (18) e Radic (15) però a trascinare i compagni alla vittoria. Bene Ion Lupusor (10 punti) e il giovanissimo Babilodze, 5 punti tutti realizzati sul finire del terzo quarto. Dopo la disfatta di Scafati arriva una vittoria convincente contro Agropoli, lo scarto finale di 19 punti riesce anche a sovvertire la differenza canestri della gara d’andata (13 punti subiti). Un successo arrivato per merito di una difesa che tiene Agropoli al 39% dal campo, 7/29 dalla lunga distanza e di un attacco che realizza 81 punti con il 53% dal campo e il 63% da tre punti. Nota dolente della serata, durante il match rapinata la biglietteria, sottratto l’intero incasso di oltre 2000 euro. Prossimo impegno martedì 10 gennaio nell’anticipo casalingo contro Legnano.

 

16° Giornata – Serie A2 Girone Ovest

Viola Reggio Calabria – Basket Agropoli 81-62

Parziali: 21-16, 42-33, 59-51, 81-62

Arbitri: Alessandro Perciavalle di Torino (TO), Gabriele Gagno di Spresiano (TV) e Chiara Maschietto di Treviso (TV)

Viola Reggio Calabria: Radic 15, Taflaj 2, Lupusor 10, Legion 22, Caroti 18, Fabi, Mazic 2, Babilodze 5, Guariglia ne, Guaccio, Marulli ne, Micevic 7

Coach: Antonio Paternoster

Basket Agropoli: Turel 17, Taylor 20, Langford 19, Santolamazza 2, Romeo 2, Contento, Molinaro, Lucarelli, Amanti ne, Carenza 2, Marra,

Coach: Alessandro Finelli

 

Novità in quintetto per Paternoster con Mazic dal primo minuto al posto di Fabi assieme ai confermatissimi Caroti, Legion, Lupusor e Radic. Buona partenza dei nero arancio con il parziale di 4-0 firmato Legion – Radic, stoppata di Mazic su Romeo, Agropoli rompe il digiuno dopo 3’ di gioco con il piazzato di Langford. Tecnico fischiato a coach Finelli per proteste, i nero arancio allungano dalla lunetta con Radic e Caroti, la penetrazione di Legion vale il +9, è il solo Langford a realizzare punti per i suoi, 15-4. La tripla di Legion vale il massimo vantaggio del +14, Agropoli inizia a macinare punti con il “solito” Langford e l’altro americano Taylor (10 punti) portandosi sul -4, la tripla di Micevic ad allontanare la rimonta, 21-16. Secondo quarto: Romeo a ridurre il gap (-3), Legion con la tripla e Caroti dalla media a tenere avanti la Viola seppur di sole cinque lunghezze, i campani lottano su ogni pallone e riescono con il canestro di Turel ad arrivare sul -2. I nero arancio difendono forte e allungano con Lupusor e Legion portandosi sul nuovo +9, timeout Agropoli a 4’08” da termine. Radic raddoppiato riesce ad infilare la retina, bel gioco a due tra Legion e Lupusor con quest’ultimo a realizzare, sul 37-25 arriva il secondo timeout di Finelli. Terzo fallo per Langford costretto ad uscire, due canestri consecutivi di Turel a ridurre il gap, serve la tripla centrale di Caroti a scuotere i compagni, 42-33 e si va negli spogliatoi. Terzo quarto: Agropoli parte forte, parziale di 4-0 firmato Langford – Turel, sul -5 arriva il timeout di Paternoster. Dal rientro sul parquet difesa aggressiva e gioco in transizione per la Viola, Mazic e Caroti a realizzare per il +8, nervi tesi tra Legion e Carenza, Taylor e Turel ad accorciare le distanze, -5. Palla sanguinosa persa da Agropoli, Legion la punisce con la tripla nell’angolo, risposta immediata di Langford, 54-51, cinque punti consecutivi per il giovanissimo Babilodze, 59-51. Quarto quarto: Micevic dalla media, antisportivo fischiato a Turel, Caroti allo scadere dei 24” per l’allungo, +14. Agropoli prova a rientrare nel match, Legion e Caroti non perdonano e la Viola mantiene l’ampio vantaggio, 70-56. Langford è l’ultimo a sventolare bandiera bianca, ma non basta, Caroti e Radic affondano Agropoli, finisce 81-62.