Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / La tecnologia applicata allo sport: come sarà in futuro?

La tecnologia applicata allo sport: come sarà in futuro?

La tecnologia sta cambiando in modo radicale il mondo dello sport. Basti pensare alle nuove tecnologie applicate al mondo del calcio negli ultimi anni. La trasformazione della Sport Industry, attraverso il crescente utilizzo delle tecnologie emergenti, sta dando vita a un ecosistema che comprende sempre più stakeholder con diversi livelli di partecipazione. Tali tecnologie influenzano il modo in cui lo sport è praticato, vissuto e sperimentato e generano importanti opportunità di business sia per tutte le imprese che gravitano in questa sfera sia per gli investitori.

Si tratta di un mercato globale che solo negli Stati Uniti ha un valore stimato di circa 100 miliardi di dollari e sul quale l’industria tecnologica scommette quotidianamente proponendo soluzioni digitali innovative in grado di trasformare l’esperienza dei fan, migliorare le performance degli atleti e il lavoro degli allenatori. I fan, proprio loro, che possono vantare di nuovi strumenti capaci di migliorare l’esperienza allo stadio. Tante strutture offrono una connessione al web da utilizzare durante l’intervallo dove i tifosi possono guardare video, oppure cimentarsi col gioco del blackjack presente su Starcasinò.

Inoltre, sta cambiando anche il modo di comunicare delle organizzazioni sportive che sono alla costante ricerca di nuove fonti di revenue: gli strumenti tecnologici rappresentano un potente touchpoint digitale e permettono di favorire il dialogo tra i club e le proprie fanbase nonché raggiungere nuovi target. Questo presuppone la realizzazione di un’accurata raccolta di dati su comportamenti, gusti e abitudini dei fan per creare dei contenuti di valore e di interesse certo, base di una strategia sempre più consumer centric.

La tecnologia e le scoperte scientifiche hanno cambiato radicalmente l’approccio sia agli sport individuali sia a quelli di gruppo. La preparazione atletica segue regole precise e gli sforzi degli atleti sono monitorati attraverso dispositivi wearable, nelle partite i sensori portatili ne segnalano la posizione in campo e le zone occupate per affinare schemi di gioco e tattiche da utilizzare. Ormai ogni allenatore deve saper convivere con tablet e numeri.

Negli ultimi anni c’è stato un proliferare di telecamere all’interno degli stadi di tutto il mondo. Molte sono usate per migliorare la sicurezza e monitorare gli spostamenti dei tifosi, mentre altre sono utilizzare per supportare l’attività degli arbitri o per analizzare i movimenti dei giocatori. Goal-line technology e l’ormai famosissima Var che nonostante gli errori arbitrali evitati portano comunque ancora a tante polemiche.

Intelligenza artificiale e sport

Quella della AI – Artificial Intelligence è sicuramente una delle frontiere più promettenti per il futuro del genere umano. I suoi benefici si estenderanno anche al mondo dello sport e permetteranno di utilizzare i dati raccolti dai dispositivi ad un livello di complessità, di profondità e di intreccio mai provati sinora. L’analisi dei dati non servirà più soltanto a ottenere una fotografia statica e bidimensionale di quello che è stato fatto, ma ad incrociare un enorme quantitativo di dati, molti dei quali esterni (es. condizioni climatiche, condizioni degli impianti, materiali utilizzati, interferenze ambientali di varia natura) e di intrecciarli con quelli di altri atleti, di altre gare, di contesti differenti e di diverse combinazioni di parametri.

Questo farà sì che la ricerca del miglioramento non sia più incentrata esclusivamente sull’atleta, ma costruisca attorno a lui una sfera tridimensionale in grado di far emergere in modo più netto tutti i possibili spunti di miglioramento o di gestione della prestazione. Se la tecnologia che abbiamo oggi a disposizione ci permette di spostare leggermente lo sguardo verso il futuro a partire dai dati del passato, pertanto, quello che presto potremo fare sarà utilizzare in tempo reale una mole molto maggiore di dati per prevedere il futuro e agire tempestivamente.

Il ricorso massiccio all’Intelligenza Artificiale opererà forti cambiamenti a più livelli e su più fronti e consentirà di applicare le regole in modo predittivo, prevenendo comportamenti e atteggiamenti che mettono a rischio la regolarità della competizione o che possono danneggiare gli altri atleti, individuando in anticipo i possibili rischi (es. scarsa condizione di un difensore che rende pericolosa la sua marcatura su un avversario più in forma, simulazioni plateali, ricorso al doping).