Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, lascia il patron Violante: adesso?

Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, lascia il patron Violante: adesso?

di Giuseppe Calabrò –

Una decisione sofferta, Nello Violante per motivi personali lascia il Gallico Catona. Nello Violante è una
delle figure più carismatiche del Il calcio dilettantistico reggino , due promozioni con il “suo” Catona dalla
prima categoria all’ Eccellenza, sette anni vissuti benissimo con il comprensorio del Gallico Catona di cui è
stato uno dei principali “fautori” della conurbazione. Il Gallico Catona perde una delle sue “guide” più
autorevoli e carismatiche.
Ottimo mediano, 55 anni, commercialista. Abile e attento analista del gioco della pedata, buon eloquio, è
un punto di riferimento per il calcio a Catona e Gallico.
Passionale, ma sempre sincero nei rapporti umani. 10 anni vissuti intensamente, aneddoti, rapporti
personali, le lunghe trasferte in tutta la Calabria, ottimi rapporti con la Federazione e con le società avverse.
“ Nellone” Violante ha apprestato e forse ancora rappresenta tantissimo per tanti calciatori, allenatori,
dirigenti, addetti ai lavori. Un sorriso disarmante anche per un no.
Rapporti intensi con tanti dirigenti, consigli per tutti. Dai vecchi dirigenti del Catona come Fabrizio Vitali,
Riccardo Marra, Peppe Misiti ( che lo ha seguito anche a Gallico), Peppe Mangano,Michele Cotroneo,
Ciccio Reitano, AntonioLo Presti, Ntale Gatto a tanti altri che per motivi di spazio non citaiamo ma non per
questo meno importanti.
Tanti allenatori da Franceschini, a Totò e Peppe Barillà, Giovinazzo, Scevola, Casciano, De Leo, Ripepi,
Cavallo .
Il suo “pallino” da giocatore è stato Peppe Marcianò, il “ pupillo” Leo Gatto, e poi Marco Cormaci e Daniele
Zappia.
Ma “ Nellone” saprà vivere senza il calcio, le tante telefonate per preparare una trasferta, per risolvere
qualche problema di qualche giocatore, le scelte nella campagna acqusti
Una cosa è certa a noi addetti ai lavori Nello Violante ci mancherà … chissà se un giorno