Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, ultimi sforzi e tanti interrogativi sul futuro

Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, ultimi sforzi e tanti interrogativi sul futuro

di Giuseppe Calabrò – Contro il Castrovillari non si poteva fare e ottenere di più. Formazione reggina ridotta all’osso nell’organico,

ma che ha giocato contro i titolati avversari con dignità e orgoglio. Bravi !

Ultime due gare all’epilogo della stagione regolare. E’ un Gallico Catona che ha la mente già alla prossima

stagione, rinnovo delle cariche sociali, scelte programmatiche e probabilmente anche un nuovo allenatore.

Il biondo tecnico di Catona Peppe Misiti, 42 anni, ha già tante richieste per la prossima stagione ( Giugliano,

Cittanovese, Roccella, Reggiomed o allenare una “ primavera” di società professionistica ) , ha fatto bene

nel Gallico Catona  è ovvio per lui ambire a traguardi Importanti.

Ultima trasferta stagionale, si viaggia verso Siderno ( già Siderno , dolci ricordi per il Catona che ottenne la

sua prima storica promozione ai rigori proprio al “Raciti” di Siderno), gli ionici allenati da Ciccio Galati

tentano  il ritorno alla quarta serie attraverso il lungo e tortuoso cammino dei play off. All’andata ebbe la

meglio la formazione di Misiti per 1 a 0.

E’ basilare per gli ionici conquistare il  secondo posto utile  per gestire al meglio la “ roulette” dei play off.

Gallico Catona tranquillo che vuole mettere in evidenza i suoi tanti giovani ed intende chiudere in

crescendo  una stagione tutto sommato positivo.

E poi c’è da strutturare e meglio organizzare la società in un processo di crescita costante partendo dalla

piena valorizzazione dello stadio Lo  Prestii. Si cercano nuovi soci, nuovi sponsor, non si può agire sempre

con approssimazione e superficialità ( sinora è sempre andata bene) rischiando nella seconda parte della

stagione.

Il “patron” Nello Violante medita anno “sabatico” , è stanco, cerca nuovi stimoli, intende gestire la società

con nuove idee e soprattutto con una inversione  organizzativa. Non si può più essere approssimativi, si è

sicuramente fatto bene in questi sei anni, ma bisogna anche capire ed intuire che è arrivato il momento di

gestire  la società con una neo gestione manageriale ed oculata.

E su ciò che i responsabile della società del Gallico Catona devono lavorare senza personalismi ,ma

guardando in prospettiva altrimenti si rischia….