Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Premio Granillo, Italo Cucci: ‘Ne sapeva più degli altri. Aveva cultura e personalità’

Premio Granillo, Italo Cucci: ‘Ne sapeva più degli altri. Aveva cultura e personalità’

E’ compagno di viaggio di Maurizio Insardà con il quale da anni condivide manifestazioni e premi ideati dal giornalista calabrese, ma è soprattutto una delle firme più importanti di sempre del giornalismo sportivo italiano.

A Reggio Calabria, per il primo premio Oreste Granillo, anche il giornalista Italo Cucci, coordinatore della serata, straordinario narratore ed amico dell’ex presidente della Reggina, il suo ricordo a strill sport: “Ho avuto la fortuna di crescere da ventenne accanto a giornalisti strepitosi come Brera, Palumbo, Zanetti, ho avuto anche quella di conoscere presidente straordinari e non è un caso che mi stia dedicando insieme ad Insardà a queste figure come anche Ceravolo del Catanzaro.

Granillo ricordo che era personaggio estremamente pericoloso per gli altri, perché ne sapeva di più degli altri. Nella storia del calcio passato ed anche quella attuale, tanti presidenti si sono trovati al comando di una società perché con disponibilità economiche, Oreste Granillo aveva invece cultura, personalità, tutte una serie di qualità che sono state giustamente ricordate in questa occasione. Io lo ricordo sorridente, sereno anche nei momenti difficili e questo ho detto anche alla figlia perché questo è il ricordo che ho del personaggio”.