Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Gallico Catona ok col Cutro e ora si gode la vetta

Calcio, Eccellenza – Gallico Catona ok col Cutro e ora si gode la vetta

In cima alla graduatoria in coabitazione con il blasonato Siderno non gli era mai capitato in sei anni

consecutivi  di Eccellenza. . L’imbattuto Gallico Catona si gode una settimana da urlo, tre limpide vittorie

compreso il passaggio del turno  per la prima volta ai quarti di Coppa Italia.

Con il minimo scarto si batte un tosto Cutro , anche questo esame viene superato a pieni voti dai ragazzi

del  “glaciale” Peppe Misiti.

Qual  è il segreto di questa autentica sorpresa di queste prime “ cinque giornate” ?

A prescindere da chi va in campo il Gallico Catona ha una propria identità di gioco, le proprie idee, una

efficiente spigliatezza atletica, senza  più i leader della passata stagione, nessuno è indispensabile

ma tutti utili alla causa.

Tanto possesso palla, un centrocampo abile a chiudere i varchi e a proporre gioco. Tanti “ under” che

si stanno facendo valere per risorse tecniche e fisiche.

Con un budget non molto elevato oggi è al passo di formazioni come il Siderno  e il Locri.

C’è da non credere!

In cinque giornate ha sempre cambiato formazione mister Misiti ed è proprio lui che sta facendo la

differenza. Ha ridestato l’entusiasmo dopo gli ultimi due anni abbastanza tribolati. Adesso viene proprio

il più bello ! Dove potrà arrivare il giovane e spensierato Gallico Catona !

La rete che vale i tre punti e il primato in graduatoria è firmato dal “ bagnaroto” del rione Pellegrina, Enzo

Maceri, Classe 99, alla sua seconda gara in Eccellenza.

Una azione tutta  di prima al 19 del primo tempo, il “sette polmoni” Andrea  Penna ( rigenerato da Peppe

Misiti) allarga sulla destra per Roberto Fulco che sempre di prima intenzione crossa al centro per

l’attaccante Maceri che a volo di destro  fa scoccare un gran tiro che scheggia la traversa e si infila in rete,

nulla da fare per Talotta. Una rete da “schema”provata e riprovata  in allenamento. Maceri ha fisico e

fiuto del gol, un’altra “riscoperta” di una nutrita “nidiata” di baby del 99 e del 2000 che sta facendo la

differenza.

Andati in vantaggio i ragazzi di Misiti tirano un po’ il fiato e nei minuti finale della prima frazione il bravo

Gabriele  Parisi è decisivo su un gran tiro di Cittadino.

E’ un Gallico Catona che sa anche raccattarsi ed è umile.

Nella ripresa la formazione di casa non corre più rischi, è alla ricerca della seconda rete per la tranquillità.

Il tecnico Peppe Misiti come suo solito cambia di nuovo le strategie tattiche, ben quattro cambi.

Entra l’esperto difensore Peppe Marcianò  e l’attaccante Macchia  e poi i “ fuori quota” Santo Bologna, e

Gianluca Carlo.

Al 62 Roberto Fulco salva sulla linea di porta, è l’ultimo sussulto dei cutresi.

Ha un ottimo centrocampo la squadra di casa, il “metronomo” piccoletto Peppe Gioia recupera tanti palloni

e “sventaglia” per le corsie esterne.

Al 72, al 75 e al 77 in rapida successione prima Bologna , poi Macchia ed infine Gianluca Carlo sprecano

delle ottime occasioni per la seconda segnatura per il Gallico Catona.

Ancora  una prestazione da incorniciare per il centrocampista Ciccio Violante, gioca a testa alta e bravo nel

cambio passo, Gioia e Penna a metà campo, Fayè e Parisi insuperabili in trincea.

Intanto si gode il primato con serenità e domenica si affronta un altro esame di maturità contro il Locri.

 

 

Gallico  Catona  1   –   Cutro  0                                               Eccellenza  5 giornata

Marcatore : al 19 Maceri

Gallico  Catona :  Parisi 7, Fulco 7, La Cava 7 (al 69 Carlo 7), Gioia 7,5, Fayè 7, Scarcella 7 ( al 54 Marcianò 7),

Cormaci  A. 6,5 (al 54 Bologna 7), Penna 7,5, Maceri 8 (al 75 Macchia 7) , Violante 8, Ricciardi 7 All. Misiti 8

Cutro :  Talotta  6, Barbieri 6 (al 77 De Luca 6), Camera 5,5,Bella 6. Cosentino 6, Folino 6, Cittadino 6 (al 75

Paonessa 6), Percopo 5 (al 46 Catalano 5), Morello 5, Lizaso 6, Gidari 5 (al 70 Muto 6) All. Parentela 6

Arbitro- Cortale  di Locri 6, De Bartolo –  Fanara di Cosenza