Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Comm. Antimafia al legale Juventus: “‘Ndrangheta c’è, sentiremo Agnelli”

Comm. Antimafia al legale Juventus: “‘Ndrangheta c’è, sentiremo Agnelli”

“Ci preoccupa che venga negato il fenomeno, che voi lo neghiate, il fenomeno c’è, esiste: i biglietti continuate a darglieli?”. La presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, non ha usato giri di parole nel corso dell’audizione a Luigi Chiappero, legale della Juventus. “Certo che no”, ha risposto sicuro l’avvocato. L’altra notizia riguarda la convocazione del massimo dirigente bianconero, Andrea Agnelli. “Abbiamo chiarito che il presidente della Juventus verrà, non lo avevamo mai dato per certo. Tutta la vicenda denota che la forza delle mafie sta nella sua sottovalutazione”, ha dichiarato Bindi nelle frasi riportate da Repubblica.it.

La vicenda, oramai nota, riguarda presunti contatti tra il club bianconero e la ‘Ndrangheta per quanto concerne la gestione dei biglietti.  “C’è la totale e piena disponibilità del nostro presidente a essere qui e dare suo contributo”, ha spiegato Chiappero, chiarendo la posizione della società piemontese.”Non c’è una intercettazione che riguardi il presidente della Juventus, mai un riferimento ad un incontro, mai . Ci sono due telefonate tra il presidente e d’Angelo, il security manager, e sei telefonate in cui terze persone parlano del presidente in modo irrilevante relativamente ai biglietti”.

Le indagini su concentrano tra i rapporti tra Rocco Dominello e il security manager della Juventus, Alessandro D’Angelo. Chiappero assicura che quest’ultimo non era consapevole delle intenzioni e i rapporti di Dominello: “Il processo penale racconta di una persona attualmente sottoposta a processo per associazione ndranghetista il cui nome è Rocco Dominello, e racconta che il nostro security manager, Alessandro D’Angelo, deputato con l’uomo della biglietteria a rapportarsi con coloro che rappresentavano la tifoseria. A un certo punto una persona, Rocco Dominello, è entrata in contatto con d’Angelo: questa persona era ed è al momento incensurata. Doveva accorgersi d’Angelo che Rocco Dominello aveva caratteristiche diverse da quelle che rappresentava?”, conclude il legale bianconero.