Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Riparte la stagione di Scherma Reggio A.S.D. : 25 anni e non sentirli

Riparte la stagione di Scherma Reggio A.S.D. : 25 anni e non sentirli

Dopo aver festeggiato quest’anno il venticinquesimo di attività, la storica Sala d’Armi del Maestro Salvatore Colica inaugura la stagione agonistica 2017/2018 con un nuovo look e nuovi allestimenti per gli atleti della Scherma Reggio A.S.D., che assieme alle loro famiglie e a molti curiosi ospiti hanno già ammirato la trasformazione durante la festa di apertura dello scorso 21 settembre.

Incremento e ammodernamento delle pedane d’assalto, un ambiente esclusivamente dedicato ai macchinari per il potenziamento muscolare e una nuova area accoglienza sono i principali cambiamenti occorsi per garantire l’uso ottimale degli spazi ed un’esperienza sportiva completa e di più alto livello a tutti gli utenti della Sala, che cambia il suo stile ma non lo spirito e la voglia di migliorarsi.

La ristrutturazione infatti è solo la parte esteriore di un più lungimirante investimento nel futuro, frutto della passione che il Maestro Colica (prima da atleta e poi da Tecnico e Dirigente) spende da anni per il nobile sport assieme alla moglie Maria Fedele – già Delegato Regionale per la scherma calabrese, allo staff tecnico composto da Carlo Serpieri e dai giovani ma già promettenti Michele Scappatura, Jessica Borrello e Demetrio Marino oltre alla professionalità del sempre presente Medico Sociale Filippo Zema– e che si traduce oggi in un gemellaggio importante della sua Società con la prestigiosa Accademia della Scherma Livorno (fucina di campioni come Paroli, Luperi, Lari e Calissi), ufficializzando un rapporto costruito nella scorsa stagione e culminato nella partecipazione di alcuni atleti reggini al Campus estivo del club toscano. Il gemellaggio si aggiunge ad un sodalizio ormai avviato con la Conad Scherma Modica (club dell’olimpionico Avola) denotando la ricerca continua di stimoli volti ad incentivare la maturazione tecnica di staff e atleti.

Tanti progetti in cantiere dunque per la Società di Via Al Foro Boario ed ottimi propositi per affrontare al meglio le sfide agonistiche imminenti ed anche il prossimo quarto di secolo, sempre al servizio di chi vuole conoscere e praticare questa affascinante disciplina.