Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Volley – Golem, Tifanny: “Le polemiche? Io trans di talento, questo dà fastidio”

Volley – Golem, Tifanny: “Le polemiche? Io trans di talento, questo dà fastidio”

Con una videoconferenza su Skype, la giocatrice brasiliana della Golem Palmi Tifanny Pereira da Abreu ha risposto alle polemiche che nelle ultime settimane hanno travolto lei e la società reggina (CLICCA QUI). In passato un uomo, Tifanny oggi è a tutti gli effetti una donna. Non è il primo caso di uno sportivo che cambia sesso e continua a giocare, seppur cambiando genere. Non è nemmeno il primo caso nella pallavolo femminile, ma il clamore e le polemiche nelle ultime settimane non si sono ugualmente sprecate, tra gli imbarazzi della Lega e le ‘minacce’ di altri club che affermavano di andare in Brasile a reclutare trans: “Facciano pure, ma difficilmente ne troveranno brave come me. E’ questo che dà fastidio, non che io sia trans ma che sia un trans di talento. In Brasile è pieno di giocatrici trans, se qualche società andrà ad ingaggiarle vedremo se saranno in grado di competere nel campionato italiano”, assicura Tifanny via Skype.

Dal suo arrivo, la Golem ha continuato a vincere o perdere gare come accadeva da inizio stagione, ‘ma stranamente si parla solo di quella vinta, la realtà è che parlano senza pensare’, evidenzia la giocatrice brasiliana. Sorprende inoltre che tra i club che hanno ufficialmente protestato per la presenza di Tifanny tra le fila della Golem, ce ne sia più di uno che ha provato ad ingaggiarla prima del suo trasferimento in Calabria. Il velo di ipocrisia è in realtà ben consistente. “Io sono tranquilla e serena, le polemiche non  mi toccano. Penso solo a giocare, e voglio migliorare per arrivare in A1. Tutte hanno un sogno, il mio è quello di arrivare nel massimo campionato e per farlo devo alzare il mio livello di prestazioni”.

La giocatrice brasiliana afferma di non sentirsi un simbolo, ‘lo è il nostro capitano Francesca Moretti. Io sono umile e faccio parte di uno splendido gruppo, che mi ha accolta come si fa nelle famiglie’ e spiega quali sono le cose che l’hanno maggiormente delusa: “Le critiche gratuite, oltre al continuo raccontare ed evidenziare il mio passato da uomo. Tutto questo mare di polemiche però mi rende più forte. Cosa ne pensa la mia famiglia? Mi ama e rispetta, come io rispetto loro, è questa la cosa più importante”.

Tifanny racconta soddisfatta del calore della piazza, l’ambiente di Palmi l’ha accolta nel migliore dei modi. “E meno male che i luoghi comuni parlano di un Sud arretrato culturalmente...Non è assolutamente così, qui mi sento come a casa, sostenuta e coccolata da tutti. Mi incitano, chiedono foto, l’unica cosa che mi manca è il fidanzato. Anche lui è un atleta e quindi purtroppo non può venire a trovarmi. Da oggi dico ‘basta’, voglio concentrarmi solo sul campo, aiutare la Golem a vincere più partite possibile”, conclude la giocatrice brasiliana.

Golem Palmi in silenzio stampa, in chiusura di video conferenza c’è spazio per una considerazione di  Luca Luppino, responsabile di marketing e comunicazione del club reggino: “La nostra è una società aperta, favorevole al cambiamento. Non esistono tre sessi, ma solo due, il discorso si chiude qui. Il mondo si sta evolvendo rapidamente, e lo sport è giusto che lo segua con lo stesso passo”.

Pasquale Romano