Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Tonno Callipo, Geiler: “La SuperLega è il campionato più bello del mondo”

Tonno Callipo, Geiler: “La SuperLega è il campionato più bello del mondo”

Prosegue il percorso di avvicinamento della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia al prossimo match di Campionato che vedrà i giallorossi impegnati, a distanza di dieci giorni dal match di Coppa Italia, in trasferta sul campo della capolista Cucine Lube Civitanova. Doppio allenamento oggi con una seduta pesi già effettuata stamattina, sotto il vigile sguardo del preparatore atletico Pasquale Piraino, e con un allenamento imperniato sulla tecnica nel pomeriggio. Coach Kantor e lo staff tecnico-medico contano di arruolare al 100% nel più breve tempo possibile due elementi come Filip Rejlek e Carlos Eduardo Barreto Silva. Se l’opposto ceco è da tempo out (l’ultima partita da titolare l’ha giocata il 4 dicembre 2016 a Latina), il martello brasiliano deve fare i conti con un lieve acciacco che non gli ha permesso di scendere in campo nel match di Coppa contro i marchigiani e di non essere al meglio nell’ultima partita di campionato in casa contro Modena.

Intanto, tra i protagonisti stagionali di questa Tonno Callipo c’è lo schiacciatore francese Baptiste Geiler, più conosciuto come “Batou”. Il numero 4 giallorosso, finora, sono 180 i punti realizzati tra Campionato e Coppa Italia, conditi da 27 ace e 17 muri. Gara speciale per lui quella contro Civitanova dove affronterà nuovamente il suo amico ed ex compagno di squadra (insieme hanno vinto la Bundesliga nella stagione 201-15). “Civitanova è una squadra molto forte – ha affermato Geiler –  che possiede tanti giocatori di valore nella propria rosa”. Il francese torna poi alla sfida contro Modena: “ Con Modena domenica scorsa non siamo riusciti a fare bene in contrattacco, cosa che invece è riuscita a loro: battuta, muro-difesa e contrattacco”. Infine, il martello francese è molto contento della sua prima esperienza in Italia: “Qui a Vibo si sta bene, la città mi piace e poi sto giocando nella SuperLega, il campionato più bello e difficile del mondo”.