Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Lega Pro – Akragas alla “canna del gas”, quando lo sponsor fa la differenza

Calcio, Lega Pro – Akragas alla “canna del gas”, quando lo sponsor fa la differenza

La stagione 2014-2015 è stata quella in cui l’Akragas è riuscita a centrare il ritorno tra i professionisti.

Una città importante che recuperò  la Serie C anche grazie ad un’importante iniezione di liquidità garantita dallo sponsor, non esattamente uno come tutti gli altri: l’Enel.

Niente male per una società di Serie D che dal famoso gestore elettrico ha percepito la bellezza di trecentocinquantamila euro in una sola stagione.

Secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano subito dopo la promozione il presidente dell’epoca Alessi avrebbe ringraziato il ministro Alfano “il cui intervento ha permesso la concretizzazione ella richiesta di sponsorizzazione”.

L’allora ministro dell’Interno non ha mai negato la sua passione per i colori calcistici della propria città d’origine.

Qualcuno ha visto in questa strategia un metodo per addolcire la pillola in previsione della costruzione di un rigassificatore a Porto Empedocle.

Nel luglio di un anno fa l’Enel, secondo quanto si legge sull’edizione on line de La Sicilia,  decide di rinunciare al gas e alla realizzazione delll’impianto, sebbene la questione puntualmente torni in auge a fasi alterne.

Nel frattempo la società starebbe valutando la cessazione d della sponsorizzazione alla squadra di calcio che nella scorsa stagione tra mille difficoltà economiche è riuscita a salvarsi puntando solo su giovanissimi, dopo aver ceduto i pezzi migliori a gennaio (Salandria, Zanini e Gomez) per reperire i fondi necessari a chiudere la stagione.

Il disimpegno dell’Enel che oggi versa nelle casse della squadra quasi trecentomila euro (270mila) equivarrebbe alla quasi automatica impossibilità della squadra ad iscriversi al campionato.

Il grido d’aiuto da Agrigento è già partito.