Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Dilettanti – Roberto Crea è il nuovo allenatore dell’Asd Catona

Calcio, Dilettanti – Roberto Crea è il nuovo allenatore dell’Asd Catona

 Roberto Crea è il nuovo allenatore della ASD Catona . Ha firmato un contratto che lo legherà al club per una stagione, fino al giugno 2018. “Sono molto felice di essere stato chiamato, ad allenare una squadra che ha appena vinto il campionato e si appresta ad una nuova avventura in seconda categoria”, le sue prime parole dopo la firma. “Ringrazio il presidente Nucera e i dirigenti per questa opportunità. Metterò tutto il mio impegno per far sì che questa squadra ottenga i risultati che merita”.

 Quando ci siamo riuniti per valutare il candidato ideale alla panchina della nosta squadra, eravamo in cerca di qualcuno che potesse tirare fuori il meglio dai nostri calciatori. E anche aiutare a valorizzare i vari giovani presenti nella rosa”, dice invece il presidente Raffaele Nucera. “ll nostro direttore sportivo Iurmanò ha scelto Roberto Crea e, con lui, il suo stile di gioco. Riteniamo che sia la decisione giusta per il Catona”.

Anche il D:G: Mimmo Marcianò plaude alla scelta fatta “ Un tecnico giovane, cordiale e disponibile, le prime impressioni che ho avuto conoscendolo di persona, credo che sia la scelta giusta per la nuova avventura della nostra squadra nella categoria conquistata”.

La carriera di Roberto Crea, classe 1978, nativo di Reggio Calabria, inizia dapprima da calciatore, cresciuto nella Reggina sino alla categoria Allievi, di ruolo attaccante, nel 1996 approda all’Enotria Santa Caterina, per poi raggiungere grandi soddisfazione negli anni che vanno dal 2002 al 2008 con le maglie di Melitese e Segato Bocale. Con l’ultima squadra in cui ha militato, il San Roberto, conquista la promozione in Prima Categoria, dopo un digiuno di ben quarant’anni degli aspromontani dal calcio regionale che conta, qualche anno dopo aver sposato il suo grande amore Paola (con la quale oggi festeggia 10 anni di matrimonio), che gli ha regalato la piccola Alessia. Nello stesso periodo incomincia per lui un’altra carriera, intraprendendo quella da allenatore alla guida dei Giovanissimi della Gallicese dal 2008 al 2010, anni nei quali si è prodigato molto sia alla causa rossoblù che a quella, quindi, san robertina. Dal 2010 al 2012, Crea è alla guida degli allievi dell’Hinterreggio e la crescita di giocatori come Carmelo Maesano, adesso alla Reggina in Lega Pro (in gol anche nell’ultima partita di questo campionato al Granillo contro la Paganese), passa dalla sua gestione tecnica. Se ne accorge il Bocale, che gli affida la panchina della Juniores.

Dopo un solo anno però il San Gaetano Catanoso gli offre l’occasione di misurarsi finalmente in un campionato di prime squadre, quello di Seconda Categoria, dove all’inizio della stagione i risultati dei gialloblù non sono per nulla incoraggianti. Il tecnico subentra in corso d’opera e il presidente Luvarà si attende una tranquilla salvezza, senza patemi d’animo come accaduto l’anno precedente. Crea, con la squadra, va oltre ogni rosea aspettativa, sfiorando addirittura i playoff. Alcune divergenze sugli obiettivi, diventati improvvisamente altri, vista l’appetitosa posizione in classifica, causano un’inspiegabile rottura del rapporto professionale tra la proprietà e l’allenatore: a fine stagione però Roberto Crea sarà premiato come il miglior allenatore del campionato, riconoscimento che gli attesta i meriti sportivi per i brillanti risultati conseguiti durante l’anno.

Nella stessa giornata di ieri, sodalizio presieduto da Raffaele Nocera, ha annunciato una new entry dirigenziale in grado di portare nuovi stimoli all’interno dell’organigramma catonese: trattasi di Placido Cassone, attualmente fuori sede, ma capace di operare anche se fisicamente distante, tanto è forte l’attaccamento alla maglia che condivide con gli altri dirigenti compaesani, che vogliono solo il bene il Catona Calcio per un futuro che si preannuncia avvincente.