Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Vibonese, i giocatori: ‘Chiediamo scusa e vi diciamo grazie. C’è tristezza e delusione’

Vibonese, i giocatori: ‘Chiediamo scusa e vi diciamo grazie. C’è tristezza e delusione’

Amarezza in casa Vibonese non ancora smaltita. Un finale che nessuno aveva immaginato e avrebbe voluto, con la società che riflette sul proprio futuro ed i calciatori che attraverso il sito ufficiale, hanno inteso scrivere una lettera ai tifosi rossoblu: “Ci portiamo dentro un senso di vuoto, di grande tristezza, di delusione. Avremmo voluto regalare la salvezza alla società, alla tifoseria, alla città di Vibo ed alla provincia. Ci abbiamo creduto. Ci siamo impegnati al massimo. Non ci siamo risparmiati. Ma non è bastato, purtroppo.

In questo momento non è facile per noi accettare tutto ciò, ma il campo ha emesso il suo verdetto, per quanto amaro, amarissimo.

Ci teniamo, però, a ringraziare tutti voi per come ci avete accolto e ospitato nella vostra città, per come ci avete rispettato e sostenuto a prescindere dai risultati e dagli errori. Grazie a tutta la gente che ha riempito lo stadio e a tutti quelli che sono venuti a sostenerci quando eravamo ultimi in classifica e in molti ci davano ormai per spacciati.

Calcisticamente vi chiediamo scusa per non aver raggiunto l’obiettivo della salvezza. Chiediamo scusa a tutta la città, al nostro grande presidente Caffo, al direttore generale Beccaria, al ds Battaglia, al segretario Mancini, a Roberta, Roberto e Alfonso. Chiediamo scusa a chi ha vissuto con noi questa avventura, come “zio Carlo”, Mimmo, Romano, Bruno, tutti i dottori e i collaboratori del club.

Poche volte abbiamo conosciuti uomini come voi con difetti e pregi come tutti, ma persone vere.

Calcisticamente abbiamo perso, questo è evidente, e qualche errore ovviamente l’abbiamo commesso.

Ma umanamente questo gruppo, questa grande famiglia, insieme al suo allenatore e il suo staff, ha vinto perché ha dato l’anima. Tutto quello che avevamo l’abbiamo messo a disposizione per il bene comune. Pensiamo onestamente che avremmo meritato qualcosa di diverso ma se il destino ha voluto così, allora bisogna accettarlo, senza troppi perché, altrimenti impazziremo senza mai trovare una ragione a tutto ciò.

Grazie, di cuore, per averci fatto sentire a casa. Vi auguriamo ogni bene ed auguriamo alla società ed alla Vibonese ogni fortuna.

Il capitano

Francesco Favasuli

Fonte: usvibonese.com