Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio – La Vibonese ha perso la Lega Pro, non perderà l’orgoglio. Pronti a ripartire

Calcio – La Vibonese ha perso la Lega Pro, non perderà l’orgoglio. Pronti a ripartire

Vibo, il giorno dopo. La delusione è ancora forte, viva, cocente. La Vibonese ha perso lo spareggio con il Catanzaro abbandonando dopo una sola stagione il professionismo. Lo ha fatto a testa altissima, dopo un percorso fortemente condizionato da una parte iniziale da dimenticare, ma anche dopo un girone di ritorno strepitoso. Arrivando al play out come favorita per la vittoria finale e subendo, invece, nel doppio confronto il ritorno del Catanzaro, bravo a centrare il successo in occasione della partita di andata, robusto nel difendere il pari in quella di ritorno. Ma la Vibonese, come detto, se oggi piange per un risultato che amareggia fortemente, allo stesso tempo deve essere consapevole di aver fatto comunque un grande percorso, a testa alta, con la serietà e la professionalità che ha sempre contraddistinto questa società. Puntuale, precisa, disposta al sacrificio e intenzionata a costruire una grande squadra qualora avesse avuto la possibilità di giocare anche per il prossimo anno in Lega Pro. Comunque applausi al presidente Caffo, al DG Beccaria, al DS Battaglia, al tecnico ed a tutti i giocatori che hanno tenuto sempre alto il nome di Vibo e onorato la maglia fino all’ultimo istante della stagione. Il rammarico, l’unico, è quello di aver visto solo in rare occasioni il grande pubblico, quello che questa squadra avrebbe meritato ci fosse per l’intero campionato a sostegno soprattutto nei momenti di difficoltà. Ma ormai è andata, il DG Beccaria qualche settimana addietro ci diceva che conservare la categoria sarebbe stato fondamentale per il futuro di questa società. La categoria si è persa, ma certamente non si perderà invece l’orgoglio, quell’orgoglio che ha portato nel corso di questi anni risultati preziosi. Si torna tra i dilettanti, con la speranza che la parentesi possa essere il più breve possibile. Dopo la delusione ci si aspetta l’ennesimo scatto in avanti e quindi la voglia di ripartire ancora più forti di prima. Tutto ciò potrà avvenire, però, solo se i tifosi rossoblu saranno al fianco della società, moralmente ed anche sul piano della partecipazione. Intanto il primo pensiero andrà ad un possibile inserimento nell’elenco delle squadre da ripescare.