Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Ayoub e Raneri rilanciano la Calabria dell’atletica.

Ayoub e Raneri rilanciano la Calabria dell’atletica.

Due grandi prestazioni illuminano la manifestazione in pista denominata “caccia al minimo”, indetta dal Comitato Regionale Fidal, in collaborazione con l’A.S.D Cosenza K42, disputatasi nel pomeriggio di sabato 27, all’interno degli impianti del camposcuola e dello Stadio Marulla di Cosenza. Il “solito” Idam Ayoub questa volta supera se stesso, stabilendo con un superlativo 8’34”53 il nuovo personale sui 3000m, che lo proietta stabilmente in testa alle graduatorie nazionali di categoria! La kermesse bruzia non poteva sperare in un epilogo migliore; il pupillo di coach Scipione Pacenza, tesserato per Cosenza K42, in scia ad un generosissimo Andrea Pranno (G.S. Parco Alpi Apuane), “pacemaker” di lusso per l’occasione, ha eseguito alla perfezione gli ordini di scuderia, con passaggi regolari di 2’54”5 ai 1000m e 5’47”6 ai 2000m, con gli ultimi 300m corsi intorno ai 47”, a dimostrazione che i margini di miglioramento sono ancora tanti. A completare il podio, buona prova di Antonio Amodeo (A.S.D. Corricastrovillari) secondo in 9’12”15, davanti ad Alberto Giungato (Cosenza K42) 9’13”40. Personal best anche per il promettente junior Luca Ursano (Fiamma Catanzaro), e per Giovanni Monaco (Polisportiva Panathlon), rispettivamente in 9’20”64 e 9’21”25. Uno splendido Alessandro Raneri (Atletica Olympus), con una “martellata” da record, lancia l’attrezzo a 58,28m, seconda misura nel ranking nazionale cadetti, per la gioia del Prof. Mimmo Pizzimenti e di papà Franco, allenatore dell’altro “enfant prodige” Riccardo Ferrara, che nel peso scaglia l’attrezzo a 16,28m, misura da top ten italiana allievi. Manca di un niente il minimo allievi sugli 800m Martino Colonese (Cosenza K42), che seguendo il ritmo delle “lepri”, chiude la sua fatica con un eccellente 2’01”35, al primo anno di categoria, davanti ad Antonio Giuseppe Nucera (Atletica Olympus), 2’07”85, e ad Alessio Carrozzo (Atletica Rendese), 2’11”92. Nei 400m lo junior Gabriel Hutanu (Cosenza K42), sfiora il PB con un buon 51”07, in solitaria; buone prove anche nei salti con l’allievo Nicolò Carravetta (Cosenza K42) a 1,73m nell’alto, e il cadetto Simone Chilà (Atletica Olympus) ad 1,40m. Nel lungo cadetti in evidenza Francesco Pio Celestino (Cosenza K42), con 5,30m e la coetanea Asia dell’Accio (Cosenza K42), a 3,64m. Vittoria nei 100m per Vincenzo Piccolo (Atletica Olympus), in 11”68, davanti al compagno di squadra Christian Poner, 11”73, e a Mario Bruno (Cosenza K42), 12”22, poi secondo nel lungo con 5,24m dietro a Danilo Pallonetto (Atletica Olympus), vincitore con 6,28m. Affermazione nei 100m femminili per Beatrice Romeo (Atletica Olympus), in 13”12, davanti a Giusy La Cava (Assi Giglio Rosso Firenze), in 15”00, di Sabrina Reda (Atletica Rendese), sugli 800m in 2’36”26, di Verdiana Martucci (Magna Grecia Cassano), sui 3000m, in 12’23”71, e di Valentina Flachi (Atletica Olympus), nel martello con 31,88m.