Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, Violante: “L’apatia a volte mi spinge a mollare tutto”

Calcio, Eccellenza – Gallico Catona, Violante: “L’apatia a volte mi spinge a mollare tutto”

 di Giuseppe Calabrò – E’ tempo di bilanci, di consuntivi, di chiudere i “ conti” economici  con la stagione appena conclusa e

gettare così le “basi” per il futuro che si vuole solido e importante.

Il Gallico Catona   è ad un “bivio”  eopocale secondo il “patron” Nello Violante: “E’  stata

una stagione tormentata, altalenante, è il secondo anno di fila che stentiamo a confermare la categoria, ed è ovvio –  continua Violante –  che va fatta un’attenta analisi non solo tecnica ma anche gestionale.

Il  Gallico Catona si misura , ormai, da cinque anni in una realtà agonistica importante, sostiene sempre

Violante, il settore giovanile sta lavorando con acume e ne sono a testimonianza i risultati ottenuti, ma

c’è da ottimizzare al meglio il futuro, strutturandoci meglio come società, un programma ad ampio respiro

con trasparenza e chiarezza , ognuno deve dare contezza al consiglio direttivo , un budget di spesa reale

adeguato alle nostre possibilità

Ci si è tentato e ci si tenta di allargare l’ assetto societario, non sono contento – prosegue sempre Violante –

dell’apporto del pubblico che si voleva più partecipe e meno indifferente.

Perché questa apatia di due realtà come Gallico e Catona non so spiegarmelo  !

A volte è uno dei motivi che mi sprona a  mollare tutto.”

Il   “ patron” Violante  parla, dunque, a cuore aperto.

Ne conosciamo la passione e la competenza, è uno “sfogo” amaro che deve far riflettere.

“Sono troppe –  dice Violante –  le spesa a carico della società, in Lega ci vuole una proposta a largo raggio con

tutte le società per un tavolo di trattativa per porre un “plafond” ai rimborsi spesa e una fiscalità di

vantaggio per le “anemiche” società dilettantistiche”.