Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, De Angelis: ‘Un grazie ai miei ragazzi. Pubblico meraviglioso’

Cosenza, De Angelis: ‘Un grazie ai miei ragazzi. Pubblico meraviglioso’

Vittoria pesantissima, sofferta e meritata. Il Cosenza si aggiudica la gara di andata dei play off battendo il forte Matera al termine di un match assai combattuto e con diversi espulsi. Straordinaria la cornice di pubblico che ha sostenuto la squadra per tutto il corso dell’incontro ed esultato a fine partita per il prezioso risultato. Mister De Angelis: «Dell’arbitro non voglio parlare. Era doveroso ringraziare i tifosi e continuare a dargli queste soddisfazioni perché se lo meritano. Il Matera mette in difficoltà tutti quanti nel possesso palla perché ha giocatori di qualità estrema e di categoria superiore che metterebbero in difficoltà anche giocatori di altre categorie, ma tolta l’occasione del rigore non abbiamo mai subito la profondità, cosa in cui loro sono maestri. I ragazzi si sono comportati davvero bene, il secondo tempo siamo stati molto bravi ad attaccarli alti coi centrocampisti. Avrei voluto segnare il terzo gol, ma con Negro e Carretta che rientravano tra le linee abbiamo fatto comunque fatica, avremmo dovuto sfruttare meglio l’uno contro uno, poi per l’espulsione di Paride siamo tornati in dieci contro dieci. Nel primo tempo hanno cercato di chiudere oggi la partita consapevoli del tasso tecnico superiore, per il ritorno ci penseremo domani – dovremo valutare alcune situazioni ed affrontare la partita col coltello tra i denti, ma chiunque scenderà in campo darà il 100% per la maglia: i ragazzi vanno solo applauditi perché alcune volte, anche per colpe mie, hanno fatto partite non brillantissime, quindi sono il primo a dover dire loro grazie. I ragazzi stanno chiudendo tutte le partite sempre in crescendo, segno che stanno assorbendo benissimo i carichi di lavoro del nostro Prof. Il De Angelis della partita di ritorno è cambiato, maturato e si sente cresciuto, piano piano grazie anche al lavoro dei ragazzi ho colmato delle lacune».