Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Arriva il Giro d’Italia del centenario per la sesta tappa, Reggio Calabria è pronta

Arriva il Giro d’Italia del centenario per la sesta tappa, Reggio Calabria è pronta

di Pasquale De Marte – E’ un giorno diverso quello che Reggio Calabria si appresta a vivere nella giornata di giovedì, sebbene la carovana rosa abbia iniziato a lasciare le proprie impronte già da qualche giorno con diverse macchie che hanno colorato le strade reggine.

Tra “partenze” ed “arrivi” si tratta della nona volta del Giro a Reggio.

Dopo l’arrivo di Messina, infatti tutta la macchina organizzativa del centesimo Giro D’Italia è pronta a trasferirsi sulla sponda calabra dello Stretto, spostando con essa tutta l’attenzione mediatica che una delle corse a tappe più importanti del mondo si porta dietro.

La partenza prevista per le ore 11.30, segnerà il ritorno del Giro a queste latitudini  dodici anni dopo quel crono-prologo notturno che portò il Lungomare Falcomatà sugli schermi televisivi di tutto il mondo.

Vinse l’australino Brett Lacanster e fu anche l’occasione per un’esibizione con cui Mario Cipollini dava l’addio al ciclismo.

Un evento vero e proprio, dato che qualcuno definisce il ciclismo lo spettacolo sportivo più democratico del mondo, che si sviluppa per le strade e per assistervi non serve alcun biglietto.

Da Reggio partirà la sesta tappa che risalirà praticamente tutta la Calabria, 217 km fino ad arrivare a Terme Luigiane.

I corridori attraverso Via De Nava lasceranno la zona centrale di Reggio si avvieranno su quella che, comunemente ed in gergo, viene definita “strada Nazionale” attraversando tutta la provincia tirrenica, la zona di Vibo, fino ad arrivare al comune di Acquappesa.

giro_reggio_calabria_terme_luigiane

Un percorso non semplicissimo, fatto anche di salite con pendenze del 10% ed alcuni tratti caratterizzati da grande velocità potenziale e curve da affrontare con grande abilità tecnica.

Quella di Reggio sarà una partenza fittizia dato che la gara avrà vita solo quando il gruppo sarà fuori dal centro urbano, prima i corridori si renderanno protagonisti di una passeggiata di circa 7 km che offrirà visibilità alle vie principali della città.

In particolare  desta particolare curiosità ed attenzione lo strappo coincidente con l’arrivo delle Terme Luigiane. L’approdo in provincia di Cosenza è previsto poco dopo le 17.

Lo striscione del traguardo sarà posto in punto che, per una tappa del Giro, era già stato fissato nel ’93 con Konishev vincitore, nel 95′ con i pugni al cielo di Fondriest, nel ’99 e nel 2003 con i trionfi di Jalabert e Garzelli.

Firme d’autore per un ultimo chilometro che richiede una certa qualità e una condizione fisica che non teme il proverbiale acido lattico.

Già dalla mattinata, comunque, i cittadini potranno beneficiare della grande atmosfera che solo il Giro d’Italia sa regalare, grazie all’allestimento sul lungomare del villaggio di tappa che prevederà, tra le altre, cose un palco per gli eventi ed un’area riservata agli sponsor.

Per la città sarà anche  un’opportunità per fornire ai tanti appassionati seguaci del ciclismo il proprio volto migliore (sul sito della corsa c’è una pagina dedicata per informare i turisti) .

Un’occasione anche per diversi alberghi e non solo di beneficiare dell’indotto derivante da quasi un migliaio di persone che avranno la necessità di alloggiare sullo Stretto.

E anche, come i più cinici pensano, per vedere, a tempo di record. qualche miglioramento sul manto stradale destinato al percorso.

Il luogo di ritrovo, per i corridori, è fissato nell’Arena Ciccio Franco ed è attorno a quell’area che si svolgeranno praticamente tutte le manifestazioni che fanno da corredo all’evento.