Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – Viola, c’è una salvezza ancora tutta da conquistare

Basket – Viola, c’è una salvezza ancora tutta da conquistare

di Gianni Tripodi – Quanto è stata amara la sconfitta di Ferentino. Al Palasport “Ponte Grande” il team di coach Paternoster ha sprecato l’ennesima occasione per risalire la classifica, come già accaduto in altri incontri, nel decisivo rush finale di una partita sempre in grande equilibrio, è mancata la determinazione e la giusta lucidità per portare a casa i due punti. Nonostante in tanti tiri in transizione e l’intensità messa sul parquet, Fabi e compagni non sono riusciti a contenere lo strapotere fisico dei padroni di casa, alla fine la differenza l’hanno fatta i centimetri dei lunghi amaranto, su tutti l’ex Radic e l’americano Raymond. Una vittoria avrebbe potuto tenere ancora aperto il discorso salvezza diretta, la sconfitta invece ha fatto ripiombare pericolosamente i nero arancio nella caldissima zona playout. Da qui al termine del campionato la Viola (14) dovrà allontanarsi dall’ultimo posto per evitare la retrocessione diretta in serie B e cercare di giocarsi le ultime chance di salvezza ai playout contro una tra Scafati (12) e Agropoli (12) che, adesso, entrambe a soli due punti di distanza, iniziano a far sentire il loro fiato sul collo. A Ferentino c’è stato l’esordio tutto sommato positivo per Riccardo Rossato, lanciato subito in quintetto, 17 minuti sul parquet e 7 punti realizzati, mentre l’assetto della Viola in assenza di un lungo di ruolo dopo la partenza di Radic continua a puntare sul centro atipico Patrick Baldassare, ancora una volta il migliore dei suoi con 10 punti, 10 rimbalzi e 6 assist. Nonostante la sconfitta si guarda avanti e non potrebbe essere altrimenti, a sei giornate dalla conclusione della stagione regolare tutto è ancora in discussione, ma bisognerà iniziare a vincere, già a partire dalla prossima gara di domenica, quella tra le mura amiche contro la temibile Tortona.