Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza – Il derby reggino se lo aggiudica il Gallico Catona

Calcio, Eccellenza – Il derby reggino se lo aggiudica il Gallico Catona

Il  “poderoso” e duttile  Totò Cormaci  decide il derby tutto reggino e   “ bagnato” che risolleva le sorti di un Gallico Catona ormai virtualmente salvo e complica maledettamente le cose in ottica salvezza ad una Reggiomediterranea che rimedia colpevolmente la quarta sconfitta interna stagionale. Maurizio Cavallo indovina i cambi, Peppe Carella  li sbaglia. E’ questo quello che sentenzia inesorabilmente  il rettangolo di gioco.

Un derby  agro – dolce,  giocato sotto una fastidiosa pioggia che ha reso il sintetico di Croce Valanidi molto viscido. Poco impegnati i due portieri. I migliori ,nel Reggiomed  Gianni Marcianò, Peppe Caputo e Caruso, dall’altra Peppe Marcianò, Totò Cormaci e il giovane Caracciolo.

Gallico Catona che dopo i “grappoli” di reti subite finalmente rimane con la rete inviolata. Bellissima la rete che ha deciso il derby  nel finale della disputa. E’ l’ 82 minuto, c’è una ripartenza del neo entrato Martin Bueno che supera in progressione Gianni Marcianò e verticalizza per Totò Cormaci che con un preciso raso terra si infila nell’angolo destro dell’incolpevole Cannizzaro.

Una rete bellissima per impostazione ed esecuzione. Una rete preziosissima  che vale i tre punti ad un Gallico Catona che gioca con il giusto “appeal” , soffre nella seconda parte della la maggiore dinamicità del Reggiomed, colpisce al momento giusto. Reggiomed  ingenuo nel farsi infilare in contro piede, ha in Caputo e Caruso i suoi uomini cardine a centrocampo, discontinuo Pietro Candido , senza una vera e propria “prima punta”  in attacco è difficile scardinare le difese avversarie. Perché fra l’altro è uscito Manuel Monorchio nel suo momento migliore?

Hanine , ex Chievo Verona, non è riuscito negli ultimi 20 minuti a fare la differenza. E l’assenza di Kabangu si è avvertita più del previsto.

Primo tempo molto “tattico”, le due “ cugine” sono consce dell’importanza della posta in palio. Si gioca con palle lunghe, hanno sempre la meglio i difensori sia dell’una che dall’altra parte. Ci prova al 23 su punizione Pietro Candido, il cuoio è abbondantemente fuori. Al 32  gli ospiti tentano la soluzione dalla lunga distanza con l’evanescente Leo Gatto, non è in giornata di lena Marco Cormaci, il gigantesco Foti lo arpiona nonostante la sua notevole mole. Antonio Cormaci per necessità gioca sin dall’avvio al centro dell’attacco, si adatta e di danna tantissimo, ci prova con scarsa fortuna al 42 con un tiro sbilenco, Bellissimo il duello a centrocampo fra Andrea Penna e Gianni Caruso. Il derby nella prima frazione di gioco finisce sul nulla di fatto. Nella ripresa ha un buon piglio la Reggiomed  , l’ex Peppe Caputo è un giocatore che prende tantissimi palloni a metà campo, al 62 una sua conclusione va a lato. Al 69 e al 72 ci prova dalla media distanza Manuel Monorchio ma le sue conclusioni non “ centrano” il bersaglio. Maurzio Cavallo sale in cattedra, esce Leo Gatto ed entra l’attaccante Martin Bueno, Antonio Cormaci rientra nel suo naturale ruolo di centrocampista. E’ la mossa vincente che decide il derby.

Carella invece toglie un attaccante ( Monorchio, perché) ed entra Hanine, che manda alle ortiche una palla su punizione. All’ 82 la “ripartenza” decisiva di Martin Bueno, l’”incrocio” perfetto con Totò Cormaci che con un preciso diagonale beffa Cannizzaro.

Reggiomed  frustrato, una pesante sconfitta interna che ne complica ancor più il cammino salvezza. Entrambe le cugine hanno cambiato in corso d’opera il tecnico. In 12 gare sotto la gestione Carella, solo nove punti. 26 punti in 17 gare invece per Maurizio Cavallo.

Sia Reggiomed ( pari) che Gallico Catona ( li ha battuti al Lo Presti)  si “fregiano” del titolo di aver interrotto il percorso della super capolista Isola Capo Rizzuto. Molti ex in campo tutti nel Reggiomed (Monorchio, Zappia, Caputo, Gianni Marcianò ), tre squalificati.

Demetrio Libri nel Gallico Catona; nella formazione di casa l’attaccante  Kabangu e il centrocampista Bossi. Nel Gallico Catona c’è la novità dell’esordio del neo arrivato portiere Gabriele Paridi, ex Vibonese e Hintereggio.

Alla fine sconsolati Bruno Leo e Costanzo Cloro, raggianti dall’altra parte Nello Violante e Natale Gatto.

Il derby va agli archivi.

Reggiomediterranea  0   –  Gallico Catona  1 

Marcatore : all’82 Cormaci  A.

Reggiomediterranea :   Cannizzaro 6, Cuzzola 6, Libri 6, Foti 6,5, Marcianò Giov, 7, Cotroneo 6,5, Caputo 7, Caruso 7, Zappia 6,5 Candido 6 (all’88 Giunta s.v.), Monorchio 6 ( al 72 Hanine 5) All. Carella

Gallico Catona :  Parisi 6, Falcone 6,5 (al 52 Assumma 6), Manfredi 6, Penna 6,5, Marcianò Gius. 7, Calarco 6,5, Ferrato 6, Gatto 6 (al 67 Bueno  7 (all’88 Fulco s.v.) Cormaci A. 7, Cormaci M. 6, Caracciolo 6,5. All. Cavallo

Arbitro-  Gigliotti  di Cosenza 6   , Rispoli di Locri e De Bartlo di Cosenza