Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5 serie B – Odissea strepitosa, vince sul campo della capolista, colpo del Cittanova

Calcio a 5 serie B – Odissea strepitosa, vince sul campo della capolista, colpo del Cittanova

Colpo grosso dell’Odissea 2000 che, dimostrando di non essere inferiore alle due dominatrici del torneo, rifila un perentorio 0-3 al Real Cefalù compromettendone le chance di vittoria finale. Questo successo rende ancora più amaro l’incerto avvio di stagione senza il quale staremo ora a parlare di una Odissea in lotta per il salto di categoria. Tra le calabresi in evidenza un ruolo importante lo ricopre anche la matricola tutta italiana, nello specifico prettamente tirrenica cosentina, Farmacia centrale Paola capace di non concedere scampo al Sant’Isidoro surclassandolo con un perentorio 6-2. Buon pareggio esterno della Polisportiva Futura in quel di Melilli. Nell’unico derby calabrese di giornata exploit esterno della Edilferr Cittanova che, sul campo del Real Rogit, interrompe l’emorragia di cinque sconfitte consecutive di contro, gettando nello sconforto la compagine rossanese che, non sa più vincere. A chiudere il quadro delle squadre calabresi l’ennesima sconfitta del Corigliano costretta ad alzare bandiera bianca sul campo dei lucani del Bernalda.

REAL CEFALU’ – ODISSEA 2000 0 – 3

Marcatori:

FARMACIA CENTRALE PAOLA – SANT’ISIDORO 6 – 2

Marcatori: R. Chiappetta, Salerno, Città (2), Chianello, A. Chiappetta per Paola

Altra incredibile impresa quella fatta oggi dalla Farmacia Centrale che batte il Sant’Isidoro Palermo per 6-2, portandosi così al 4′ posto in classifica. L’inizio del Primo tempo è molto bloccato con le squadre che si studiano a vicenda fin quando Raffaele Chiappetta al 5’40” insacca la palla con un preciso destro. Il pressing paolano si fa più forte ma le occasioni stentano ad arrivare e così come sempre succede alla prima distrazione i siciliani trovano il pareggio al 17’30’. Primo tempo che si chiude in parità. Nella ripresa la solita strigliata di mister Giovanni Chiappetta sveglia i suoi e così dopo solo 50” Giuseppe Salerno toglie la ragnatela con un bolide di destro da fuori area. Al 7’40” Antonello Francesco Citta’ allunga le distanze e dopo neanche un minuto Alessio Chianello con un tiro di punta mette la sua consueta firma. La Farmacia Centrale non abbassa la guardia e ancora con Città al 13’20” si porta sul 5-1. Gli arbitri si rendono protagonisti espellendo con una clamorosa svista Giovanni Chiappetta e concedendo contemporaneamente un rigore che però spider man Simon Pietro neutralizza. In inferiorità Alessandro Chiappetta si inventa uno slalom da cineteca facendo esplodere il numeroso pubblico. La marcatura palermitana serve solo a definire il punteggio finale. (A.S. Salvatore Panaro)

REAL ROGIT – EDILFERR CITTANOVA 2 – 4

Marcatori: 3’ Rueda (RR), 8’ Monterosso (EC), 18’ Sanchez (EC), 1’st Pire (EC), 18’st (RR), 19’st Sanchez (EC)

Vittoria importantissima in chiave salvezza per l’Edilferr Cittanova Calcio a 5 che, al termine di una gara giocata davvero col cuore, espugna il difficile campo del Real Rogit portando a casa l’intera posta in palio. La sfida è terminata con il risultato di 4 a 2 per i ragazzi di Milano. Nel primo tempo, Edilferr poco incisiva in avanti. Nonostante tutto i biancoblu hanno concluso la prima frazione in vantaggio per 2 a 1. Il Rogit, invece, ha avuto più possesso mala, presentandosi più volte nella metà campo ospite. Nel secondo tempo, l’Edilferr scende in campo in maniera diversa rispetto al primo tempo, creando diverse palle gol (alcune delle quali davvero nitide) non riuscendo però a sfruttarle a dovere. Il Rogit, dopo il 3 a 1 ospite, gioca praticamente per tutto il secondo tempo con il portiere di movimento, riuscendo solo a ridurre lo svantaggio di un gol, prima della rete di Sanchez per il definitivo 4 a 2.

BERNALDA – CORIGLIANO 8 – 4

Marcatori: 5’ pt Lovatel (C), 9’ pt Rissi (B), 10’ pt De Sa Carvalho (B), 11’ pt Da Costa (B), 18’ pt Schiavelli (C), 1’st Da Costa (B), 7’ st Lento (C), 8’ st Da Costa (B), 11’st Gomez (B), 12’ st Schiavelli (C), 13’, 14’ st Rissi (B),

Dopo la sconfitta a tavolino della gara precedente contro il Paola, più le ammende e le altre decisioni arrivate dalla giustizia sportiva, jonici ancora bloccati da un insuccesso. Perso l’ennesimo scontro diretto per la salvezza piena, per il Corigliano ci sarà da duellare almeno per ambire ad un posto nei play- out. Corigliano, senza De Luca e Pereira e con Perrotti a mezzo servizio, ha cercato di invertire il proprio trend senza però riuscirci. Nonostante la buona volontà, biancazzurri ancora a mani vuote che restano rilegati nelle sabbie mobili e con l’obbligo di interrompere il digiuno al più presto. Per la cronaca, la sfida in terra di Basilicata, parte bene con il vantaggio di Lovatel. I padroni di casa, però, si riorganizzano e pareggiano con Rissi per poi portarsi in vantaggio con De Sa Carvalho. E mentre Lento sfiora il pareggio il tris dei locali è di Da Costa. Ospiti che accorciano con capitan Schiavelli sul finire di primo tempo. Nella ripresa, il Bernalda accelera e non perdona nessun disattenzione del Corigliano. In apertura di secondo tempo allunga con Da Costa mentre Lento riaccorcia il gap. Quindi ancora Da Costa e Gomez riallungano le distanze. Cerca di riaprire la disputa ancora Schiavelli ma chiude definitivamente i conti per i lucani una Rissi con una doppietta. A fine gara per la comitiva biancazzurra anche doccia in trasferta nella vicina Ferrandina per un problema idrico al palazzetto di Salandra. Disagio non da poco con danno della sconfitta e beffa della doccia patiti uno dopo l’altro. Prossimo turno per i coriglianesi, sul proprio terreno di gioco ma a porte chiuse, contro il Real Rogit per un nuovo derby jonico. Frattanto, a breve per le sanzioni contro il Paola, dovrebbe partire il ricorso alla giustizia sportiva. A fine gara per la comitiva locale e ospite anche doccia in trasferta nella vicina Ferrandina per un problema idrico al comune di Salandra. Disagio non da poco per entrambe le comitive e con il danno della sconfitta per i coriglianesi a cui si è aggiunta anche la beffa della doccia in ben altra struttura seppur vicina.

Fonte: calabriafutsal.it