Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – La Viola cerca riscatto ad Agrigento

Basket – La Viola cerca riscatto ad Agrigento

di Gianni Tripodi – Seconda trasferta consecutiva dopo quella di Siena per i nero arancio che, questo pomeriggio alle 18 al Pala Moncada di Agrigento, affronteranno la Fortitudo dell’ex Piazza, cercando di interrompere una striscia di quattro sconfitte consecutive. L’ultimo successo risale al 6 gennaio, nella prima gara del girone di ritorno contro Agropoli, serve quindi una scossa immediata per smuovere la classifica. Nonostante il fanalino di coda Scafati si trovi a soli 8 punti, la Viola ha l’obbligo di allontanarsi dalla zone pericolanti, ferma a 12 punti da troppo tempo dovrà agganciare Rieti (14) ed allungare su Agropoli (10). Bisognerà rifarsi dopo la deludente prestazione di sette giorni fa in terra toscana contro Siena, dove oltre a perdere nettamente la lotta a rimbalzo (50 a 33) e aver tirato con percentuali dal campo disastrose (18/62), i nero arancio sono apparsi spenti e privi di personalità. Dopo la partenza di Alex Legion il team di coach Paternoster è alla ricerca di un nuovo leader, l’Alan Voskuil visto a Siena non sembra al momento poter ricoprire quel ruolo. Bene nei primi due quarti di gioco il naturalizzato danese si è però spento come neve al sole negli ultimi due chiudendo con 13 punti (5/11 dal campo). Ci si aspetta molto di più anche da Marco Laganà, il reggino, non ancora in pieno ritmo partita deve ritrovare la miglior forma mentre l’altro nuovo innesto Patrick Baldassarre, 8 punti e 11 rimbalzi all’esordio, dovrà garantire una maggiore aggressività e reattività sotto canestro. David Hawkins è tornato giovedì sera in riva allo Stretto per allenarsi con la squadra, la scorsa settimana il suo ingaggio sembrava già cosa fatta, la forma fisica del “falco” però non convince pienamente staff e dirigenza, dopo la gara contro Agrigento verrà presa una scelta. Nella gara d’andata la Viola si impose tra le mura amiche con il risultato di 88-77, in quell’occasione Roberto Marulli sfoderò una prestazione super positiva chiudendo con 12 punti e 6 assist, da quel momento in poi è iniziata l’involuzione del pupillo di Paternoster. Con Mazic costretto a star fuori per circa un mese, Fabi e Caroti non al meglio, bisognerà giocare la gara perfetta per espugnare il Pala Moncada, palla a due alle 18.