Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – Fip Calabria e Comune di Reggio: “Incontro proficuo per il bene della città”

Basket – Fip Calabria e Comune di Reggio: “Incontro proficuo per il bene della città”

Un incontro proficuo ed all’insegna della collaborazione reciproca.
Il Presidente della Federbasket calabrese Paolo Surace ed il consigliere con la delega all’impiantistica sportiva, Francesco Franco Basile Rognetta hanno incontrato il rappresentanti del Comune di Reggio Calabria per una riunione programmatica relativa, in particolare agli impianti dello “Scatolone” e della Palestra di Archi ma non solo.
In rappresentanza del Comune di Reggio Calabria era presente il nuovo delegato allo sport Gianni Latella.
In relazione alla questione legata allo “Scatolone”, la Palestra intitolata alla memoria di Piero Viola oggetto di vari servizi giornalistici sui media nazionali sarà “liberata” dai migranti così come affermato dall’Assessore comunale Nucera (La nostra idea è quella di chiudere lo “Scatolone” al più presto- ha dichiarato l’assessore a mezzo stampa- struttura non idonea per ospitare i ragazzi)
Atmosfera propositiva e tante buone notizie.
E’ soddisfatto il Presidente Surace: “Abbiamo finalmente incontrato i rappresentanti del Comune per dimostrare la nostra voglia di cooperare per il bene della città, delle strutture ed ovviamente dello sport e della pallacanestro. Abbiamo avuto rassicurazioni attraverso un crono-programma da rispettare con cura e criterio. L’obiettivo di massima è quello di riaprire gli impianti del basket ma, allo stesso tempo provando a ritrovarli migliorati ed al passo con i tempi. Il nostro basket non si può fermare così come non si possono fermare assolutamente la società che svolgono la pratica sportiva e fanno tanti sacrifici per portare avanti la funzione sociale, educativa ed aggregativa relativa alla pallacanestro. Il nostro dialogo con le istituzioni è sempre aperto e propositivo. Siamo pronti a dare consigli ed indirizzare, qualora sia possibile, i tecnici verso le “manovre” corrette per il bene della nostra attività sportiva e dei nostri ragazzi. Rimaniamo guardinghi e vigili sugli accadimenti legati all’impiantistica pronti a salvaguardare e difendere, qualora ce ne fosse il bisogno, il nostro patrimonio umano e sportivo.”.