Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, ritmo e aggressività contro la peggiore difesa. De Angelis l’ex indimenticato

Cosenza, ritmo e aggressività contro la peggiore difesa. De Angelis l’ex indimenticato

La voglia di riscattare l’immeritata battuta d’arresto in casa contro il Matera, ma anche il pericolo nell’affrontare una compagine in piena crisi con le stesse intenzioni. Ha messo in guardia i suoi mister De Angelis per la sfida contro un Melfi in crisi profonda. Sono sei le sconfitte consecutive per una compagine che era partita malissimo in campionato, ma per una buona parte del girone di andata, era riuscita ad inanellare una serie di successi utili a portarla fuori dalla zona pericolo. Ha fatto ricorso al mercato il Melfi per tentare la nuova risalita, al momento, però, dopo la prima dell’anno, i risultati sono stati poco incoraggianti. I gialloverdi non vincono dallo scorso 3 dicembre, quando riuscirono a superare il Messina con un secco 3-0 e da allora, come detto, solo sconfitte consecutivamente. Nella robusta campagna acquisti spicca il nome dell’ex Gianluca De Angelis, attaccante indimenticato dalla tifoseria rossoblu e adesso alla ricerca di gol, anche contro il Cosenza, per risollevare le sorti della sua squadra. 4-3-1-2 il modulo adoperato da mister Bitetto per una squadra che è vero cerca disperatamente il ritorno alla vittoria, ma deve fare i conti pure con una difesa super perforata che ha subito 44 reti in 22 gare, la peggiore in assoluto. Per un De Angelis che punta a fare il gol dell’ex, un altro seduto sulla panchina dei rossoblu intenzionato a ripartire dalla buona prestazione fornita contro la corazzata Matera. Gioco offensivo e ritmi alti per mettere in difficoltà una retroguardia che fino ad oggi, come detto, ha mostrato parecchie lacune. Davanti a Perina intoccabili Tedeschi e Blondett, sulle corsie esterne Corsi a destra e D’Anna a sinistra. Ranieri, Caccetta e Mungo in mezzo al campo. Baclet sarà il centravanti del match, al suo fianco agiranno Statella e Cavallaro. L’ultimo arrivato Letizia partirà certamente dalla panchina.