Home / Sport Strillit / BASKET / Basket, A2 – Ostacolo Agropoli per la Viola Reggio Calabria

Basket, A2 – Ostacolo Agropoli per la Viola Reggio Calabria

di Vittorio Massa – Prima sfida del 2017  e prima giornata del girone di ritorno per la Viola Reggio Calabria. I reggini affronteranno la BCC Agropoli nell’insolito turno del 6 Gennaio al PalaPentimele. Un match salvezza, una sfida già decisiva cosi come confermato anche dai due coach nelle dichiarazioni pre gara. Due squadre appaiate al penultimo posto in classifica a quota dieci ma con Scafati in rampa di lancio verso una prevedibile rimonta. Viola e Agropoli non possono permettersi ulteriori passi falsi. Diversa tuttavia la condizione e il morale delle due squadre. I campani sono in serie negativa da quattro turni. “Vincerà chi sarà più concentrato, la nostra salvezza passerà da Reggio Calabria” ha affermato coach Alex Finelli che ben conosce questo tipo di campionati. I campani, dopo la meravigliosa stagione dello scorso anno, sono ripartiti con il chiaro obiettivo della salvezza. Finelli si affiderà alla regia del capitano Santolamazza, decisivo all’andata, e al talento dell’americano Taylor( 15.9 punti di media) in guardia. Il pacchetto esterni sarà completato da Marco  Contento e da Mirco Turel, vero sesto uomo capace di incidere sul match. Carenza sarà il “quattro” atipico di una squadra che ruota intorno al pivot Langford. Dalla panchina usciranno il giovane play Romeo e Molinaro, pivot di sostanza e quantità.

Tanti giorni lontani dal campo invece per la Viola. I neroarancio vorranno dimenticare la figuraccia rimediata a Scafati e il rinvio contro Legnano è servito per far recuperare agli uomini di Paternoster energie fisiche e mentale. Out ancora Marulli, da valutare la condizione di capitan Fabi. Gli occhi saranno puntati però su Alex Legion, l’americano sembra essere con le valigie in mano direzione Bologna, sino al 22 di Gennaio sarà un giocatore della Viola e anche dalle sue mani passerà la salvezza dei reggini. In casa neroarancio si assisterà ad una nuova rivoluzione ? Tra un paio di settimana ne sapremo di più.