Home / Sport Strillit / BASKET / Legion mostruoso, Treviglio ko. La Viola è tornata

Legion mostruoso, Treviglio ko. La Viola è tornata

di Gianni Tripodi – E’ l’ultimo a lasciare il parquet, asciugamano su collo ed osannato come il messia. Alex Legion ne fa 37 con il 63% dal campo (14/22) dimostrando ancora una volta di essere il leader indiscusso della squadra. Una prestazione immensa per l’americano che spinge la Viola verso un successo importantissimo. E’ la seconda vittoria consecutiva per i nero arancio che bissano così l’impresa di Tortona battendo tra le mura amiche del Pala Calafiore la Remer Treviglio (90-88) al termine di un match emozionante e ricco di emozioni. La crisi è ormai un lontano ricordo per il team di coach Paternoster che ha giocato un match con grande intensità agonistica su entrambi i lati del parquet, ottime le percentuali dal campo con il 50% dalla lunga (14/28) e il solito dominio a rimbalzo (33 a 20). Un finale al cardiopalma che ha riacceso l’entusiasmo del Pala Calafiore, una bolgia negli ultimi e decisivi due minuti di gioco, con una Viola ormai ritrovata che esce vittoriosa tra gli applausi scroscianti del proprio pubblico. Sono otto adesso i punti in classifica per i nero arancio che continuano così a risalire la classifica, prossimo incontro domenica 11 contro Latina.

11° Giornata – Serie A2 Girone Ovest

Viola Reggio Calabria – Remer Treviglio 90-88

Parziali: 24-19, 46-40, 67-70, 90-88

Arbitri: Calogero Cappello, Raimondo William e Alessandro Buttinelli

Viola Reggio Calabria: Radic 14, Taflaj 2, Ciccarello ne, Lupusor, Legion 37, Carot 10i, Fabi 23, Guaccio ne, Marulli ne, Micevic, Fallucca 4

Coach: Antonio Paternoster

Remer Treviglio: Cesana 1, Pecchia, Dessì, Sorokas 10, Marino 24, Marini 4, Mezzanotte 1, Genovese 18, Nwohuocha 4, Sollazzo 26

Coach: Adriano Vertemati

Come da previsioni della vigilia Caroti in quintetto a sostituire l’infortunato Marulli, con Taflaj al posto di Lupusor assieme ai confermatissimi Fabi, Radic e Legion. Buona intensità già a partire dai primi minuti di gioco, Treviglio parte fortissimo e si porta avanti nel match con i canestri di Sollazzo e Marino, i nero arancio si affidano alle giocate di Fabi e Legion, 5-6. Sono le due triple consecutive di Lorenzo Caroti a spezzare l’equilibrio, Treviglio soffre la pressione difensiva dei nero arancio, la bomba nell’angolo di capitan Fabi fa esaltare il pubblico del Pala Calafiore, 14-8. Gli ospiti si riavvicinano ed impattano il risultato grazie agli otto punti consecutivi di uno scatenato Genovese (due triple), 16-16. Il parziale di 8-3 degli ultimi 2’ di gioco firmato Radic – Legion consente alla Viola di passare in vantaggio, Sollazzo sul finale con il gioco da tre punti a ridurre il gap, 24-19. Secondo quarto: Legion risponde alla tripla di Marino, i nero arancio mantengono alta l’intensità su entrambi i lati del parquet e creano l’allungo con i canestri di Caroti, Legion e Fabi raggiungendo il massimo vantaggio, +13, 37-24. Treviglio prova a riavvicinarsi, ma Legion è immarcabile, sette punti consecutivi dell’americano valgono il nuovo +13, Marino e Sollazzo ad accorciare per il 46-40 e si va all’intervallo. Terzo quarto: Marino prova a caricarsi la squadra sulle spalle, Fabi e Radic tengono avanti i nero arancio, con Treviglio a forzare le conclusioni arrivano le due triple consecutive di Fabi e Taflaj a ridare undici lunghezze di vantaggio alla Viola, 56-45, timeout Vertemati. Caroti e Legion provano a creare il nuovo allungo, arriva il quinto fallo per Taflaj, gli ospiti trascinati da Sollazzo e Sorokas riescono a rientrare in partita arrivando al -1 a 2’42” da termine, timeout Paternoster. Magia di Legion a ridar fiato ai suoi, Sollazzo dalla lunetta (2/2) ad impattare sul 65-65, Marino da una parte e Legion dall’altra, gara equilibratissima. Tecnico fischiato a Marino, pasticcio Viola sul finale e Treviso passa a condurre il match, 67-70. Quarto quarto: Nero arancio in netta difficoltà e gli ospiti ne approfittano per allungare con Genovese, tecnico fischiato a Sorokas, ma Fallucca non riesce a realizzare dalla lunetta (0/2), Legion si intestardisce e Treviglio vola sul +8 ancora con Genovese, 67-75. Radic e Legion (tripla) a scuotere i compagni, la tripla di Marino ammutolisce il Pala Calafiore, 72-80. Tripla nell’angolo di Fabi a riaccendere l’entusiasmo, Treviglio difende fortissimo, quando Legion infila la tripla del -1 esplode il Pala Calafiore, 79-80, timeout Vertemati. Sorokas riporta i suoi sul +3, Fabi con la tripla dell’immediata parità, quinto fallo per Lupusor, si va in lunetta con Fallucca (2/2) e Radic (1/2) Viola sul +2 a 1’20” dalla fine. Sorokas ad impattare, l’arresto e tiro di un incontenibile Legion per il sorpasso, è capitan Fabi a regalare due lunghezze di vantaggio ai suoi a 21” dal termine, timeout Vertemati. Marino fa 1/2 dalla lunetta, boato del Pala Calafiore, 89-88, timeout Paternoster con 6” sul cronometro. Fallo sistematico su Legion che con l’1/2 chiude la partita, finisce 90-88.