Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5 serie B – Il derby all’Odissea. Vince ancora il Cataforio. La Futura pareggia ed esonera Romeo

Calcio a 5 serie B – Il derby all’Odissea. Vince ancora il Cataforio. La Futura pareggia ed esonera Romeo

Escludendo le due corazzate siciliane a dettare legge in Calabria è sempre l’Odissea 2000. La squadra del presidente Marino, davanti ad un nutrito numero di tifosi, con un perentorio 1-4 piega la resistenza dei cugini del Rogit tracciando un solco di 4 punti. Dopo tre sconfitte consecutive, torna alla vittoria la Farmacia centrale Paola imponendosi contro i siciliani del Regalbuto. Divertente gara quella di Bernalda nella quale, al termine di una esaltante serie di 14 marcature la Pol, Futura, torna a casa con un punto. Il cambio della guida tecnica sembra avere giovato al Cataforio che, contro il San’Isidoro, centra la seconda vittoria di fila abbandonando l’ultimo posto in classifica. Come da previsioni il Corigliano torna da Augusta con un pesante passivo guardando, però, la futuro con rinnovata fiducia.

REAL ROGIT – ODISSEA 2000  1 – 4

Marcatori: 14’55 p.t. Pizetta, 17’25’’ p.t. Kevin, 2’00’’ s.t. Scervino, 4’46’’ s.t. Pizetta, 15’24’’ s.t. Sperendio

Il derby rossanese è dell’Odissea 2000 che batte il Real Rogit per quattro a uno. La formazione del player manager Sapinho ha disputato una partita impeccabile, ha preso subito il comando delle operazioni e ha attaccato con giudizio senza prestare il fianco alle ripartenze. Una condotta di gara che le ha permesso di chiudere il match già nei primi minuti del secondo tempo. Poi, quando i padroni di casa hanno giocato con il portiere in movimento per tentare di rientrare in partita, si è difesa con ordine, concedendo pochissimo. Il Real Rogit, priva dell’estro di Cofone fuori per squalifica, ha cercato di arginare i gialloblù riuscendoci solo fino a tre quarti del primo tempo. Una volta passati in svantaggio hanno subito il contraccolpo psicologico che si è manifestato anche a inizio ripresa. La partita – Come accennato in precedenza, è l’Odissea 2000 a fare la gara, Pizetta e compagni fanno girare palla cercando il pertugio giusto. I gialloblù provano più volte a scardinare la porta di Zamirton che, però, è sempre pronto alla parata salvando la sua porta dalle conclusioni di Pizetta (per tre volte, in una colpisce anche la traversa), Scervino, Kevin, Russo e Zé Gato. Il Real Rogit raramente riesce a rendersi pericoloso in area avversaria, per i bianconeri solo due tiri dalla distanza fuori bersaglio e una conclusione di Sperendio intercettata da Scervino prima che possa impensierire Zé Gato. Il meritato gol dell’Odissea 2000 arriva nel corso del quindicesimo minuto e porta la firma di Pizetta che ribadisce in rete un tiro di Scervino respinto da Zamirton. Il Real Rogit cerca subito la reazione ma, subisce la rete del raddoppio pochi secondi dopo aver costruito la sua azione più pericolosa del primo tempo: Urio ruba palla a un avversario e si presenta a tu per tu con Zé Gato che riesce a respingere la conclusione ravvicinata, sul capovolgimento di fronte Kevin non perdona e segna il due a zero per la sua squadra. A inizio ripresa l’Odissea 2000 mette il sigillo sul match. Tra il secondo e il quinto minuto di gioco colpisce con Scervino, lesto ad anticipare tutti su azione d’angolo, e Pizetta, tiro violento che si insacca tra palo e portiere. Sul punteggio di zero a quattro mister Tuoto gioca la carta del portiere in movimento, la sua squadra chiude gli ospiti nella propria metà campo, anche se in un paio di occasioni rischia di prendere la quinta rete, bravo Zamirton a respingere i tiri di Richichi e Russo. Dal canto loro i bianconeri hanno due buone occasioni per accorciare le distanze con Urio e Rueda, ottimo Zé Gato a neutralizzare le conclusioni. Il gol della bandiera arriva nel corso del sedicesimo minuto grazie ad una disattenzione difensiva che mette Sperendio nelle condizioni di battere il portiere gialloblù. Il Real Rogit, prima del suono della sirena, costruisce un altro paio di azioni pericolose che non vengono concretizzate da Zamirton e Metallo (che colpisce il palo).

Sapinho – “Oggi abbiamo disputato una grande partita – ha esordito il tecnico brasiliano – siamo stati giudiziosi e compatti, costruendo tanto e rischiando pochissimo. Non era facile perché era un derby e perché avevamo di fronte un avversario molto ben organizzato. Devo fare i complimenti al Real Rogit che, nonostante l’assenza di Cofone, ha disputato una buonissima gara, ed esprimere la mia vicinanza a mister Tuoto che pur avendo problemi familiari è voluto essere presente alla partita. Infine – ha conluso Sapinho – tutti noi dedichiamo questa vittoria a Carmine Russo e alla sua compagna Barbara Calfa per la bella notizia che diventeranno genitori”.

FARMACIA CENTRALE PAOLA – REGALBUTO  4 – 1

Marcatori: G. Chiappetta, A. Chiappetta, G. Chiappetta, Scarnà

Riprende la marcia della Farmacia Centrale Paola Calcio a 5 che batte col punteggio di 4-1 una coriacea Lubrisol Futsal Regalbuto.

Nel primo tempo Alessandro Chiappetta sblocca subito il risultato, poi i ritmi restano bassi e nonostante le tante occasioni create si va al riposo sull’1-0.

Nella ripresa un uno-due micidiale firmato Alessandro e Giovanni Chiappetta mette il risultato al sicuro. La quarta marcatura è opera di Antonio Scarna che dopo essersi sbloccato in trasferta battezza così anche la porta di casa.

MARITIME AUGUSTA – CORIGLIANO 10 – 0

Marcatori:1’ pt, 8’ pt Spampinato (A), 14’ pt Lemine (A), 16’ st Zanchetta (A), 16’ pt Ortega (A), 3’ st Spampinato (A), 7’ st Zanchetta (A), 13’ st Dal Cin D. (A), 16’ st Abate (A), 17’ st Lemine (A)

Come da pronostico successo casalingo per la corazzata Augusta che si impone facile sul giovane Corigliano. Nella decima d’andata, del girone G di serie B futsal, la formazione sicula si impone senza grosse difficoltà mantenendo la testa della graduatoria in coabitazione con il Cefalù. Per gli isolani cinque gol per tempo: nella prima frazione in rete Spampinato, con una doppietta, l’ex di turno Lemine, Zanchetta e Ortega e nella ripresa ancora in gol Spampinato, Zanchetta (A), Dal Cin D. , Abate e Lemine.   Ai ragazzi di mister Forace un plauso per aver onorato la trasferta nonostante le assenze e un organico ridotto al lumicino. E se l’Augusta resta lanciatissimo per la vittoria finale del torneo, il Corigliano è in fase di riassetto. In questa settimana, come anticipato dallo stesso Forace, saranno ufficializzati quattro nuovi calcettisti e un nuovo allenatore. Dopo questa prima fase di torneo in tono minore, l’obbiettivo per i coriglianesi sarà riscattarsi e invertire la marcia per risalire in classifica. Al momento a quota nove in zona calda, per i biancazzurri da sabato prossimo contro la Cittanovese dovrà iniziare un nuovo corso grazie ai nuovi innesti e ai recuperi, dopo le squalifiche, di De Luca e Rafinha per iniziare la risalita. (A.S. Cristian Fiorentino)

BERNALDA – POL. FUTURA 7-7

CATAFORIO – SANT’ISIDORO 4-1

Marcatori: 2 Marcianò, Cilione, Jener, Sciacca, Cascino

Seconda vittoria consecutiva per il Cataforio del duo Praticò-Quattrone. Dopo aver battuto il Corigliano, i reggini superano anche il Sant’Isidoro. Il ritmo alto caratterizza i primi minuti di gara con il Cataforio che va vicino alla rete in più occasioni. Al 13′ minuto si sblocca il risultato grazie ad un tiro di Jener deviato da un avversario. Passano due minuti ed il Cataforio raddoppia con Marcianò che realizza un calcio di rigore per un fallo su Durante. Ad un minuto dal termine della prima frazione, il Sant’Isidoro accorcia le distanze con Cascino che spinge dentro una palla vagante in area non trattenuta dall’estremo difensore Parisi. In avvio di ripresa il Cataforio spinge sull’acceleratore, ma Gregorace e compagni non concretizzano le occasioni create. Il Sant’Isidoro non ci sta e prova a bucare i reggini, ma l’estremo difensore Parisi salva i suoi. Su un calcio punizione molto dubbio assegnato dal secondo arbitro, grazie al solito Marcianò, il Cataforio trova la terza rete: un missile terra/area che colpisce il palo e s’infila alla spalle del portiere sicialiano. Il Sant’Isidoro alza il baricentro alla ricerca della rete per rientrare in partita, ma ad andare a segno è ancora il Cataforio con Cilione trovato sul secondo palo da Gregorace. Dopo aver accorciato le distanze con Sciacca, i siciliani ci provano con il quinto uomo, ma Giriolo e soci difendono bene e conquistano i tre punti.

Fonte: calabriafutsal.it