Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Automobilismo – Claudio Gullo e Pippo Caffo tornano in pista

Automobilismo – Claudio Gullo e Pippo Caffo tornano in pista

Il lametino Claudio Gullo e la Distilleria Caffo di Limbadi, mercoledi  16 novembre sul  Circuito del sele di Battipaglia, in provincia di Salerno, sono ritornati  in pista  dopo un  lungo stop durato  4 mesi, il Portacolori del  Team Caffo  vecchio amaro del capo, che quest’anno  è stato impegnato  in motonautica inshore, è reduce da un bruttissimo incidente  avvenuto in  Estonia, sul lago Lake Harku , durante  lo svolgimento del warm  up di  domenica  24 Luglio nel  Campionato  Mondiale  inshore classe osy 400, una vetrina importantissima  quella del  Campionato Mondiale, ma un po’ sfortunata, dopo le  buone prestazioni offerte nelle prove libere  e di qualificazione di sabato, e  le due ottime  Partenze(nonostante era un pilota debuttante assoluto) che  allo  scatto  lo hanno  visto  girare  la  prima  boa  del  tracciato Estone nelle primissime  posizioni,e  dove in Gara 2  ha tagliato il traguardo  al nono posto, a punti, e con metà degli avversari  dietro  le spalle, ottenendo di  fatto il riconoscimento  indelebile  del  primo pilota  Calabrese  ad aver partecipato ed essere arrivato a punti in una  gara mondiale di motonautica inshore,Domenica mattina è arrivata puntuale la sfortuna,infatti  mentre si  stavano  effettuando   insieme  ai  tecnici  della  Erko a abrams  team,dei  test  di  eliche  ed  asseto  per cercare di trovare quella   velocità  sulla barca  che era mancata  in gara il Sabato,e che  giro per  giro lo costringevano  a  lasciare le primissime posizioni conquistate  in  partenza  agli  avversari ,una folata improvvisa  di  vento  faceva decollare la barca, capottandosi  pericolosamente in aria, il talento  Lametino  veniva sbalzato  fuori  dallo scafo, riatterrando malamente  ed a forte velocità in acqua, l’impatto è stato violentissimo, subito  trasportato d’urgenza in ospedale,al  Pilotà  della piana di Lamezia  gli  fù  riscontrata la rottura della  vertebra d3, una spalla lussata,contusioni  varie ecc ecc, questo incidente ha messo  fine in anticipo alla  stagione agonistica 2016, ed  ora dopo circa 4 mesi, grazie all’azienda Caffo che  gli da fiducia dal lontano 2006 e  con la quale ha conquistato  tanti successi, è ritornato in pista per  verificare  se  fisicamente il  lavoro svolto in questi  mesi  procede nella direzione giusta, per  questa  ragione il  Caffo team ha optato per scendere  in pista con una vettura estrema, potente,molto rigida,e dalla grande accelerazione, infatti  Claudio  ha utilizzato una  Lola dome di  formula 2000, motorizzata  honda  da ben  300 cavalli di potenza, preparata  e  curata nei  minimi particolari  dal  blasonato Team  Salernitano  Dalmazia motorsport,il Test è andato benissimo,il feeling  è stato ottimo  e Claudio a fine giornata ha dichiarato:

“Sono contento  di  essere  qui  insieme  al  Team  Dalmazia che ringrazio, questa monoposto  è  fantastica,va  veramente  forte  su  questa  pista,”Pippo” Caffo mi  ha messo in condizioni di essere  qui  oggi, la macchina mi piacerebbe  portarla anche in gara nel 2017, questa  oppure una  simile, fisicamente  ancora  non sono  al top, sono passati  4 mesi , i danni  fisici subiti  sono molti  ed  in varie parti del corpo, oltre  alla frattura cervicale, però  penso  e  spero  di essere al top della forma  per  l’inizio della stagione 2017, di certo la  grinta  e la voglia  non  mi  manca, ci  tenevo  a  ringraziare tutti  quelli  che  mi  sono stati vicini, e spero di dedicare  a  loro  i successi  che  quest’anno per  sfortuna  sono mancati, le gare ad alto livello  sono  anche questo ,ma  lo sport  è bello sia quando  si  vince  e  sia quando si perde,e  vi  prometto che  sarò  migliore di  prima.