Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Costantino spiega la sua nuova Vibonese: “Meno leziosa e più pratica”

Costantino spiega la sua nuova Vibonese: “Meno leziosa e più pratica”

Sette punti in tre gare per la Vibonese, con due trasferte in Puglia. Momento felice per la squadra rossoblù, capace di conquistare, a Monopoli, il primo successo esterno stagionale.

L’analisi dell’ultimo match, in casa vibonese, è espressa dal tecnico Massimo Costantino: «Faccio i complimenti – si legge sul sito ufficiale  usvibonese.com – ai ragazzi ed allo staff tecnico. Se i dettami tattici sono stati applicati dai ragazzi in maniera perfetta, i meriti sono anche di chi ha studiato nei minimi dettagli per far rendere al meglio la squadra. Un lavoro prezioso, oscuro, efficace, che è servito per conquistare l’intera posta in palio. In campo i ragazzi hanno fatto ciò che dovevano e che in settimana era stato preparato con scrupolo e attenzione. Una vittoria, la nostra, fortemente voluta e meritata. La prestazione è stata tatticamente impeccabile e per una volta siamo riusciti ad essere meno leziosi e più pratici. La squadra cresce e inizia a prendere contezza del campionato».

C’è adesso da fare i conti, in casa rossoblù, con l’infermeria: «In queste ore valuteremo le condizioni di Cogliati, uscito anzitempo dal campo a Monopoli. C’è Leonetti che non sta bene e che ha stretto i denti domenica scorsa. Dobbiamo valutare anche le condizioni di coloro che non sono stati convocati per la trasferta in Puglia e di quelli che sono usciti dal campo con qualche acciacco. Spero di recuperare il maggior numero possibile di calciatori e di averli pienamente disponibili».

Infine Massimo Costantino invita tutti a stare con i piedi per terra «senza dimenticarci del momento difficile, dal punto di vista dei risultati, vissuto in precedenza. Il campionato riserva sempre tante insidie. Questo è un girone difficile e poi domenica noi giochiamo contro un Melfi che è abituato a lottare. Ecco perché bisogna solo pensare a lavorare. Noi proveremo a ripeterci, però sappiamo che sarà durissima».