Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio Eccellenza – Gallico Catona-Siderno. Sfida sentita dalle tifoserie e da mister Cavallo

Calcio Eccellenza – Gallico Catona-Siderno. Sfida sentita dalle tifoserie e da mister Cavallo

Prima rete in Eccellenza del “bisonte” Giacomo Tripodi. Non si riesce a rompere la spirale negativa in trasferta. A Scalea un’altra sconfitta lontana dal campo amico, nonostante si siano confermati i progressi sul piano del gioco e dell’intensità del ritmo.
Prima rete realizzata dal sedicenne possente attaccante Giacomo Tripodi, un settore giovanile ben coordinato da Enzo D’Ascola e dal suo staff che sta dando ottimi risultati, in piena simbiosi con la prima squadra, oltre a Tripodi hanno già esordito in Eccellenza Carlo, Spinelli, Mordà.
E’ fiero di Giacomo Tripodi l’allenatore degli allievi Sandro Cotronei.
Il Gallico Catona guarda avanti con fiducia e con la consapevolezza che alla distanza emergeranno i reali valori di un complesso che ha un organico di qualità e che adesso si sta esprimendo al meglio anche nelle ultime due trasferte di Lamezia e Scalea.
Si è integrato al gruppo anche il fortissimo esterno destro Roberto Fulco, classe 1995, ex Catanzaro.
Alla “decima” ritorna un “classico” del dilettantismo calabrese. Sul sintetico del Lo Presti di Gallico si cimentano il Gallico Catona e il Siderno del neo tecnico Tonino Figliomeni. Un match atteso dalle due tifoserie, la formazione della ionica quest’anno è ritornata a calcare i campi di Eccellenza ed è indietro di un punto nella graduatoria rispetto al Gallico Catona. Non ci sarà Savasta squalificato.
Maurizio Cavalllo, insieme al vice Rocco Macrì e al preparatore atletico Ilario Capocasale, questa partita la vive intensamente, è residente a Siderno, quindi vuole fare bella figura, ma soprattutto cerca punti utili per un Gallico Catona che intende risalire la china.
Sarà anche una bella sfida fra le “panche”, con due tecnici subentrati in corsa. Maurizio Cavallo e Tonino Figliomeni entrambi con tanta voglia di ricominciare e fare bene.
Giuseppe Calabrò