Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5 serie B – Giornata no per le calabresi. Vince solo il Corigliano

Calcio a 5 serie B – Giornata no per le calabresi. Vince solo il Corigliano

Le squadre del girone G di Serie B sono tornate subito in campo dopo il turno infrasettimanale, ad eccezione del Recalbuto che ha osservato il riposo previsto dal calendario. A sorridere tra le calabresi solo il Futsal Corigliano vittorioso nello scontro diretto contro il Bernalda il Real Rogit nel derby calabrese contro l’Edilferr Cittanova e la Polisportiva Futura che vede il bicchiere mezzo pieno impattando 2-2 contro l’Assoporto Melilli . Sconfitte anche per l’Odissea 2000 nel big-match di Rossano con il Real Cefalu e di Paola e Cataforio che cadono in terra sicula.

ODISSEA 2000 – REAL CEFALU’ 3 – 5

Marcatori: 1’43’’ p.t. Gustavo, 3’ p.t. Pedaleira, 4’40’’ p.t. Gustavo, 5’36’’ p.t. Pizetta, 12’49’’ p.t. Cividini, 19’07’’ p.t. Richichi, 6’15’’ s.t. Toigo, 7’30’’ s.t. Kevin.
Il big match di giornata va al Real Cefalù che espugna il PalaEventi di Rossano e torna in Sicilia con tre punti pesantissimi. Una partita complicata per l’Odissea 2000 che ha avuto un approccio alla gara poco reattivo del quale si è approfittata la formazione ospite che nel giro di cinque minuti si è portata sul 3 a 0. I ragazzi di Sapinho hanno avuto la giusta reazione provandole tutte per recuperare l’incontro, ma, la straordinaria giornata del portiere avversario Bastini e l’imprecisione dei giocatori gialloblù hanno reso vani i tentativi di riprendere il risultato. Il Real Cefalù, da parte sua, è entrato subito in partita e con cinismo e spietatezza ha capitalizzato al meglio le occasioni per segnare che gli sono capitate. Una volta acquisito il largo vantaggio ha aspettato gli avversari nella propria metà campo per colpirlo con veloci ripartenze.
La partita – Inizia meglio la squadra di mister Giampaolo che sfrutta la partenza lenta dei padroni di casa per sferrare l’uno/due firmato da Gustavo e Pedaleira che in tre minuti portano la vice capolista sul 2 a 0. L’Odissea 2000 tenta subito la reazione con le conclusioni di Richichi e Pizetta che trovano pronto Bastini. Quando i siciliani ripartono, però, fanno male e al 4’40’’ segnano il tris ancora con Gustavo. I padroni di casa non demordono e vengono premiati, un minuto più tardi, con il gol di Pizetta. Subita la rete il Real Cefalù torna ad attaccare e sfiora la segnatura con Di Maria e Pedaleira. La quarta rete arriva al 12’49’’ e porta la firma di Cividini. A questo punto mister Sapinho gioca come portiere in movimento e l’Odissea 2000 chiude nella propria area di rigore gli ospiti. I gialloblù sprecano tante occasioni per accorciare le distanze, le più clamorose passano dai piedi di Kevin e Scervino che non riescono a superare il bravissimo Bastini. Il gol che riapre la partita arriva a 53 secondi dalla fine del primo tempo grazie a Richichi. Dopo l’intervallo l’Odissea 2000 entra in campo con un piglio diverso e sfiora subito il terzo gol con Pizetta e, per due volte, con Kevin, anche in queste occasioni il pipelet siciliano riesce a respingere i tiri dei giocatori rossanesi. Più preciso e più cinico è Toigo che nel corso del settimo minuto batte Zé Gato segnando il quinto gol per la sua squadra. L’Odissea 2000 non si dà per vinta e riaccende le speranze dopo poco più di un minuto andando in rete con Kevin. I gialloblù credono nella rimonta e mettono sulla difensiva gli ospiti che vogliono gestire la partita difendendo e ripartendo in contropiede. I padroni di casa attaccano a testa bassa ed è un tiro al bersaglio, ma, un super Bastini salva ripetutamente la sua porta respingendo le conclusioni di Pizetta (tre volte), Kevin (due volte) e Richichi. La squadra di Sapinho, che gioca gli ultimi 6 minuti con il portiere in movimento (anche quando resta in inferiorità numerica per l’espulsione di Kevin che ferma con le mani una ripartenza ospite) è anche sfortunata perché al 18’30’’ ha la possibilità di riaprire i giochi con un tiro libero che Pizetta, che, però, si stampa sul palo.
Sapinho – Delusione sui volti dei giocatori di casa al termine della partita, a commentare il match è il player manager Sapinho.

“Prima di tutto devo fare i complimenti agli avversari che hanno interpretato meglio la partita e sono riusciti a finalizzare quasi tutte le occasioni da rete che hanno costruito – ha esordito l’allenatore brasiliano -. Da parte nostra, siamo entrati in campo con l’approccio sbagliato e ci siamo ritrovati subito a rincorrere il risultato, poi, pur avendo tantissime occasioni non siamo riusciti a concretizzarle. Comunque, se qualcosa non ha funzionato, le responsabilità sono mie. Ora dobbiamo archiviare in fretta questa sconfitta, continuare a lavorare per migliorare le cose e pensare al match di Paola”.

SANT’ISIDORO – FARMACIA CENTRALE PAOLA 6 – 2

Marcatori: Di Carlo ( S) Piazza ( S) Chianello ( P) Giordano ( S) Chiappetta ( P) Giordano ( S) Cascino ( S) Piazza ( S)
Seconda vittoria del Santisidoro di Mister Tarantino. Dopo la Futura è il Paola che cade al Paladonbosco di Palermo. Sin qui rivelazione del campionato il Paola arriva al Palermo con 11 punti e l’impresa si avere fermato la corazzata Maritime. I biancorossi vengono invece dalla debacle del derby con il Cefalù e una gran voglia di riscatto. Sin dalle prime battute Santisidoro aggressivo a Paola in difficoltà. L’uno/due del Santisidoro sembra avere affondato da subito i calabresi che invece trovano la forza di accorciare le distanze. Palermitani che con un gran primo tempo chiudono la prima frazione per 3-1. Prima frazione ai biancorossi, ma il Paola non ci sta ed alza il.baricentro sin Dall’inizio del secondo tempo. È il miglior momento dei neopromossi calabresi che mettono alle corde i padroni di casa raggiungendo il 3-2 e mettendo a nudo i limiti dei biancorossi sino a qui brillanti. Nel forcing finale dei calabresi Mirko Giordano e Nino Cascino chiudono la gara con il 6-2 finale che premia la squadra palermitana. Sugli scudi Vincenzo Di Carlo per i palermitani migliore in campo e Raffaele Chiappetta per i calabresi per i calabresi. Santisidoro a 7 punti tutti conquistati in casa. Per il Paola uno stop che non intacca la già ottima classifica.

EDILFERR CITTANOVA – REAL ROGIT 2 – 6

Marcatori: Cofone ( R) Alampi ( C) Monterosso ( C) Rueda ( R) Pedro ( R) Uria ( R) Cofone ( R) Cofone ( R)
Niente da fare. L’Edilferr Cittanova non è riuscito a dare seguito alla vittoria ottenuta martedì scorso a Bernalda, rimediando purtroppo una sconfitta che, per come è arrivata, non può che lasciare l’amaro in bocca alla squadra del presidente Giovanni Ventra, battuta in casa con il risultato finale di 6 a 2 dal Real Rogit. Un passivo troppo pesante – e, allo stesso tempo, non veritiero – per il quintetto di Milano che, a causa soprattutto della poca concretezza sotto porta avuta nella prima frazione, alla fine ha pagato con il prezzo più alto un match che, sicuramente, era alla portata dei biancoblu. Forsing iniziale per i padroni di casa ma sono gli ospiti a passare con Cofone. Dopo numerosi occasioni ed interventi del portiere ospiti e Alampi a siglare il pareggio con un bel pallonetto su calcio piazzato. La squadra di mister Tuoto dal canto suo gioca bene impensierendo in qualche circostanza anche Logatto ma tra il 16 e 17’ botta e risposta tra le due compagini: prima Monterosso al 16’ su una ripartenza dell’Edilferr porta i biancoblù sul 2-1 poi Pedro un minuto dopo ristabilisce il match in parità. Al 19’ Lucas Ribeiro ha la possibilità del 3-2 ma si fa respingere il tiro libero da un pipilet ospite in giornata di grazia . A 25’’ dalla fine del primo tempo incursione sulla destra di Cofone palla al centro e rete di Uria 2-3. Nella ripresa l’Edilferr regge solo per 5 minuti sfiorando in qualche circostanza il pari prima di cadere sotto i colpi degli ospiti fortunosi su un rinvio di Logatto a siglare il 4-2 che ha tagliato le gambe ai ragazzi cittanovesi. Complice anche un po’ di comprensibile stanchezza dei padroni di casa, gli ospiti riescono a prendere il largo fino al 6-2 finale. Una sconfitta che non porta alcun punto in cascina ma che lascia la consapevolezza che giocando con la giusta determinazione e continuando a lavorare con umiltà si può recuperare .

POL. FUTURA – MELILLI 2 – 2

Marcatori: Votano ( F) Bocci ( M) Gianino ( M) Votano ( F)

CORIGLIANO – BERNALDA 6 – 3

Marcatori: Gallitelli M ( B) Gallitelli M ( B) Caruso ( B)Va al Corigliano lo scontro diretto contro il Bernalda. Partita pirotecnica con le due squadre appaiate in classifica a 3 punti. Gli ospiti si presentano in terra cosentina con Carella, Sarubbi e Caruso all’esordio nel campionato di serie B Ci provano subito i lucani ma il portiere del Corigliano non si fa sorprendere e dopo quattro minuti su uno schema ben organizzato su calcio d’angolo Mulala porta avanti i cosentini. Il Bernalda accusa il colpo e in cinque minuti subisce il tris del Corigliano grazie a una doppietta di Martins. Prontissima la reazione del Bernalda che al 13’ nel giro di 30 secondi accorcia le distanze per ben due volte grazie alle marcature di Caruso e Gallitelli. Al 16’ tiro libero discutibile per i lucani e Gallitelli sigla il momentaneo pareggio 3-3. Il match sembra in salita per il Corigliano e il Bernalda un minuto dopo ha la possibilità di portarsi in vantaggio ancora con un tiro libero ma è il montante a negare la gioia della rete. Ci pensa Martins al 18’ con una grande accellerazione a siglare il vantaggio coriglianese e chiudere sul 4-3 la prima frazione di gioco. Nella seconda frazione di gioco i lucani tentano la via del pari ma la retroguardia cosentina non si fa sorprendere e negli ultimi 15 minuti finali la svolta della gara: il Corigliano riesce a segnare il 5-3 con Murara gli ospiti perdono Caruso espulso per doppia ammonizione e Alfalo sigla il 6-3 finale. Tre punti importanti per il Corigliano contro un Bernalda che aveva riaddrizzato la gara nella prima frazione di gioco ma che è apparso troppo nervoso nella ripresa

AUGUSTA – CATAFORIO 7 – 0

Marcatori: Follador Zanchetta Lemina Duda Lemine Lemine Zanchetta

Ancora una vittoria per il Maritime Augusta che supera i calabresi del Cataforio con un perentorio 7-0 restando al comando della graduatoria. Il risultato non lascia molti alibi, con i padroni di casa che hanno avuto il pallino del gioco per tutti i quaranta minuti di gioco, rischiando solo una volta sul finire del primo tempo e subendo soltanto due tiri in porta in tutto il secondo tempo. Nel primo tempo le due reti del Maritime arrivano in apertura (Follador) ed in chiusura (Zanchetta). Nel mezzo un dominio territoriale e un possesso di palla che in poche occasioni ha impegnato l’estremo avversario Amuso, a lungo il migliore in campo. Nella ripresa i biancoblu sono ritornati sul parquet con un piglio diverso, riuscendo a trovare più facilmente la porta con un gioco più aggressivo e grazie alla vena realizzativa odierna dello spagnolo Lemine , autore di una tripletta.
fonte: calabriafutsal.it