Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio Eccellenza – Gallico Catona perfetto e vincente. ReggioMed che succede?

Calcio Eccellenza – Gallico Catona perfetto e vincente. ReggioMed che succede?

Il Gallico Catona ha letteralmente “annichilito” i cugini del Reggiomed. Quando si dice di una gara “perfetta”, senza sbavature, interpretata da un undici diretto in maniera magistrale da un tecnico capace come Maurizio Cavallo. In meno di un mese il tecnico locrese ha dato un’identità, una propria fisionomia di gioco, ampiezza ed intensità ad una manovra. E ancora c’è da migliorare tantissimo, soprattutto nei movimenti senza palla. Continuare così e l’operazione recupero punti e posizioni in graduatoria non è “missione impossibile”. L’organico è di qualità, Maurizio Cavallo ha saputo plasmarlo, tirando fuori il meglio dai propri ragazzi con il duro lavoro settimanale.

Reggiomediterranea che ha perso e in maniera fulminea la brillantezza delle prime giornate, recrimina, forse, sui due punti persi maldestramente sette giorni fa, è apparsa inerme, in balia della supremazia di un Gallico Catona concentrato, corto nelle distanze, “cattivo” e cinico in fase ultima con un devastante Carlos Quintana Herrero, un attaccante “atipico” che ha realizzato una doppietta di ottimo pregio balistico.
Quattro reti in otto gare. Nel finale di primo tempo in progressione ha seminato un nugolo di avversari e il suo tiro ha illuso la segnatura.
Ha “rischiato” Maurizio Cavallo ed ha avuto ragione. Dopo il minutaggio a Lamezia, da fiducia al sedicenne Giacomo Tripodi, fisico statuario, il baby non si emoziona davanti al pubblico amico, fa da sponda, apre spazi, un lavoro oscuro ma utilissimo e ne trae giovamento il compagno di reparto Quintana.
Tripodi esce fra gli applausi convinti, una prestazione di sostanza. Gallico Catona che gioca a meraviglia, Leo Gatto verticalizza, apre sulla fasce, scambia con Marco Cormaci, sulla fasce Assumma e Musarella non trovano ostacoli, non si giocava così dai i tempi di Ivan Franceschini.
Storditi dal possesso palla dei locali, gli ex in campo del Reggiomed Monorchio, De Maio, Caputo, Gianni Marcianò, non pervenuti.
Al 14 Tonino Musarella, uno dei migliori, sull’out di destra opera un radente cross, al centro dell’area con un “piattone” Quintana trafigge l’incolpevole Cannizzaro.
E’ sempre il Gallico Catona a tenere il pallino del gioco, manovra fluida, Marco Cormaci è nelle sua giornata migliore, delizia con i suoi tocchi, prova anche dalla lunga distanza ma non è fortunatao.
Bellissima la rete del raddoppio. Lancio sulla sinistra di Leo Gatto ( ottima prestazione) per Marco Cormaci che “taglia” un pallone al centro dell’area dove il solito Quintana con un preciso tap in batte per la seconda volta Cannizzaro.
Anche nella ripresa il solito monologo dei Gallico Catona che fa tantissimo “giro palla”, esce l’infortunato Peppe Calarco.
Al 69 il “ tris” d’autore ad una prestazione ineccepibile di Marco Cormaci. Dal limite dell’area e da posizione defilata lascia partire un proietto imprendibile per Cannizzaro.
E’ l’apoteosi, una domenica super per un Gallico Catona che ha già dimenticato il recente e triste avvio di stagione, adesso serve solo continuità ed assimilare ancor più i dettami di Maurizio Cavallo, il mister della provvidenza per una compagine che vuole recitare un ruolo da protagonista.
Reggiomed ad una svolta, due soli punti in quattro gare. L’assenza di Candido e Mallamaci hanno pesato più del dovuto, va “custodito” l’attuale margine di tranquillità in graduatoria.
TABELLINO: Gallico Catona – Reggiomediterranea 3-0
Marcatori : al 14 e al 38 Quintana, al 69 Cormaci M.
Gallico Catona: Propato 6, Musarella 7, Assumma 7, Penna 7, Marcianò 6,5, Calarco 7(all’ 83 Cormaci A. s.v.), Libri 6,5, Gatto 6,5, Quintana 7,5 (al 77 Nicolazzo s.v.), Cormaci M. 7,5. TripodiI 7. All. Cavallo 8
Reggiomediterranea: Cannizzaro 5,5, Falduto 5, Andiloro 5 (al 74 Demaio s.v.), Bossi 5,5, Marcianò Giov. 6, Di Giacomo 6, Vigoroso 5, Caputo 5,5, Crisalli 5 (al 54 Ventura 5) , Morabito 5 (all’ 84 Geria s.v.) All. Crupi 5,5
Arbitro – De Angeli di Milano 6, Idà di Vibo Valentia, Paradiso di Lamezia Terme
Giuseppe Calabrò