Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / Atletica – Trofeo delle Regioni Master, quarto posto per la Calabria

Atletica – Trofeo delle Regioni Master, quarto posto per la Calabria

Ad Ariano Irpino (AV), si è svolta la prima edizione del Trofeo delle Regioni Master su pista per rappresentative regionali. L’evento agonistico, organizzato dall’Atletica Amatori Ariano, è stato preceduto nella mattinata dall’inaugurazione dell’impianto “Arena Pietro Mennea”, realizzato con i fondi della Comunità Europea. Una rassegna riservata agli atleti “over35”, con un programma tecnico di 10 gare maschili e femminili, che prevedeva ad ogni risultato tecnico il relativo punteggio di tabella per la propria fascia d’età. Al miglior punteggio tabellare veniva assegnato un punto, al secondo due punti e così a scalare. La classifica per regioni veniva stilata sulla copertura di 12 punteggi su 8 gare, con copertura obbligatoria delle due staffette. Non vi è stata completa adesione del territorio, ma a contendersi il titolo per regioni solo la Campania, il Piemonte, la Toscana, le Marche, il Lazio, la Calabria e la Puglia che si sono date battaglia per tutte le gare in programma. La nostra rappresentativa maschile, seguita da Francesco Misasi, Consigliere regionale e Referente master per la Calabria, è andata ben oltre le aspettative della vigilia, conquistando un ottimo quarto posto alle spalle di Puglia, Marche e Toscana, ma davanti a Piemonte, Campania e Lazio. A livello individuale determinanti sono stati i punteggi di tutti i nostri atleti con un primo posto di Andrea Villirillo (Fiamma Atl. Catanzaro) sui 100 metri con il tempo di 12.94, con il secondo posto di Vincenzo Felicetti (Fiamma Atl. Catanzaro) nei 400 metri con 1.01.44. Ai piedi del podio con dei quarti posti si sono piazzati Federico Brancatelli (Lib. Atl. Lamezia) nei 1500 metri con 4.42.85, Antonio Vaccari (Atl. Cosenza) nel giavellotto con 45,11 metri e la staffetta 4×400, composta da Domenico Di Lonardo, Nicola Mondilla, Vincenzo Felicetti e Paolo Audia con il tempo di 4.06.03. Gianfranco Arturi della Fiamma Atl.Catanzaro nella marcia 5 km, con il tempo di 31.43.72, ottiene un importantissimo quinto posto. Con 6 punti, utili al bottino della classifica per regioni, hanno contribuito Umberto Laganà (Atl. Amatori Reggio) che nel lancio del disco ha ottenuto 23,96 metri e nel giavellotto 27,67 metri; bene pure la 4×100 che con Andrea Villirillo, Fabrizio Simone, Antonino Laganà e Domenico Di Lonardo ha realizzato il tempo di 53.10. A completare i punteggi ci hanno pensato Antonino Laganà (Atl. Amatori Reggio) e Bruno Autellitano (Fiamma Atl. Catanzaro) nel salto triplo, dove hanno saltato rispettivamente 8,08 e 7,60 metri e l’infaticabile ottantatreenne Sergio Sergi, che nel salto in alto ha valicato l’asticella posta a m. 1,00. Hanno migliorato i propri stagionali Paolo Audia (Asd Jure Sport) sui 1500 metri con 4.28.53 e Fabrizio Simone (Fiamma Atl. Catanzaro) che ha aggiunto ben 15 cm alla sua misura nel salto in alto valicando l’asticella posta a m. 1,57 e stabilendo anche il nuovo primato regionale della categoria M40. Gianfranco Arturi lima di ben dieci secondi il record regionale di categoria M60 della marcia 5 km che già gli apparteneva. A livello femminile, purtroppo, la rappresentativa è stata formata solo da tre atlete, viste le difficoltà ad avere donne che si cimentano alle diverse specialità delle gare in pista; ma, seppur in forma ridotta, le nostre portacolori si sono ben difese con Maria Grandinetti (Atl.Cosenza) che conquista un secondo posto nel giavellotto con m. 26,20 e un terzo posto nel martello con m. 40,68. Maria Pia Cardamone (Fiamma Atl. Catanzaro), new entry della categoria F35, pur ottenendo il miglior crono sul giro di pista con 1.04.89, è soltanto sesta nella classifica generale, penalizzata dalla sua ancor giovane età, ma correndo anche a fine stagione nello standard qualitativo che ha caratterizzato tutto il suo 2016. Rossella De Rose (Asd Jure Sport), anche lei categoria F35, con il tempo di 5.35.32 ottiene il quinto posto nella gara dei m. 1500, ma è soltanto al quattordicesimo posto nella classifica che tiene conto anche dei diversi parametri delle categorie di appartenenza. Massimo entusiasmo si è registrato tra tutti i componenti ed accompagnatori di questa trasferta con l’augurio che altre iniziative del genere vengono portate avanti nel mondo master, come momento di coesione e socializzazione, che in questa occasione e grazie agli sforzi degli amici dell’ Amatori Atletica Ariano, è culminato nella serata di gala con cena e balli offerta a fine manifestazione a tutti i partecipanti delle varie rappresentative.

fonte: calabria.fidal.it