Home / Sport Strillit / BASKET / Basket – Paternoster sogna un Pala Calafiore gremito per la sua Viola

Basket – Paternoster sogna un Pala Calafiore gremito per la sua Viola

“Iniziamo consapevoli del nostro valore e di affrontare un campionato molto difficile”. Testa al primo impegno stagionale in A2 per coach Antonio Paternoster e i ragazzi della Viola Basket Reggio Calabria. L’allenatore neroarancio, ospite degli studi di Radio Touring 104, ha parlato ai microfoni della trasmissione ‘Tutti figli di Campanaro’ dell’imminente match al PalaCilento di Torchiara, contro Agropoli, e di tanto altro, rispondendo in diretta anche alle domande e ai messaggi degli ascoltatori.

Paternoster ha analizzato le caratteristiche del prossimo avversario, squadra che ha allenato nella passata stagione: “Agropoli ha cambiato diversi giocatori, confermando alcuni punti di forza. Ha aggiunto al roster giocatori italiani duttili e forti fisicamente e giovani interessanti, guidati da un coach esperto”.

Che campionato sarà? “A differenza dell’anno scorso, quest’anno – ha spiegato il tecnico della Viola – non c’è una squadra più debole delle altre. Partono avvantaggiate quelle che hanno confermato buona parte del roster della passata stagione. La differenza, come sempre, la farà la coesione del gruppo, il sostegno dell’ambiente e la voglia da parte di tutti – ha aggiunto – di migliorarsi, lavorando bene quotidianamente”.

Ai microfoni di Radio Touring, Paternoster ha ribadito la sua fiducia nei confronti della squadra e delle potenzialità di ciascun atleta neroarancio: “Tutti i ragazzi mi hanno colpito in positivo. Mi è piaciuto l’approccio agli allenamenti e alle gare. Sanno bene che questo è un anno molto importante per loro. Per vederli in campo con la giusta personalità è chiaro che bisogna dare loro qualche mese”.

Il sogno? “Vincere il premio come utilizzo degli under; ciò significherebbe aver fatto crescere tanti giovani”. E ancora, “alzare gli occhi, negli ultimi 20 minuti dell’ultima partita di campionato, e – ha detto Paternoster – vedere il palazzetto di Reggio gremito”