Home / Sport Strillit / BASKET / Viola, il presidente Monastero: “Il primo allenamento? Lo guardo accanto ai tifosi”

Viola, il presidente Monastero: “Il primo allenamento? Lo guardo accanto ai tifosi”

di Gianni Tripodi – Al Pianeta Viola è da poco iniziato il primo allenamento stagionale dei nero arancio (qui le foto) , il preparatore atletico Rosaci sta testando le condizioni fisiche degli atleti a vacanze ormai terminate, coach Paternoster è a colloquio con Bolignano e Motta, mentre il dg Condello osserva attentamente il roster da lui costruito. Dopo un po’ arriva Raffaele Monastero, solo pochissimi minuti a bordo campo per vedere palleggiare per la prima volta sul parquet del Pala Mazzetto Fabi e compagni e poi, silenziosamente, si avvia verso l’uscita, facendo il giro largo, per non disturbare. Sale le scalette della tribuna e spunta all’improvviso tra la tifoseria. Saluti ed abbracci da parte di tutti ad accoglierlo. Il neo presidente non stava nella pelle, voleva assistere al primo allenamento della Viola vicino ai tifosi e così si siede accanto a loro “Vedo già un atmosfera positiva, essendo uno dei tifosi più accaniti mi sento parte di questi ragazzi che rappresentano la vera identità della Viola, costituiscono un patrimonio che viene trasmesso ai giocatori di anno in anno e per questo motivo voglio grande vicinanza tra loro e i nostri atleti”. Monastero non si sbilancia: “Obiettivi? In un campionato a 32 squadre con due gironi da 16 e con le realtà economiche che ci sono è difficile darsi degli obiettivi se non avviare un progetto che ci siamo prefissati di realizzare e che ci permetterà nelle prossime stagioni di poterci porre degli obiettivi più ambiziosi. Per adesso dico soltanto che vogliamo disputare un stagione all’altezza del nome Viola e dei nostri splendidi tifosi”. Sorridente ed entusiasta della sua nuova avventura alla fine si lascia andare: “Il vero obiettivo, anzi il mio sogno, è quello di vedere il Pala Calafiore pieno, soprattutto la curva, la voglio vedere sempre in piedi a saltare e cantare per incitarci, questo sarebbe davvero il regalo più bello dell’anno!”