Home / Sport Strillit / BASKET / Basket, Viola Reggio Calabria – Parla il presidente Monastero: “Lavoriamo a testa bassa”

Basket, Viola Reggio Calabria – Parla il presidente Monastero: “Lavoriamo a testa bassa”

Si ricomincia. Oggi è il giorno del raduno della Viola 2016/2017. Domani mattina le visite mediche, poi nel pomeriggio la squadra svolgerà il suo primo allenamento sotto le direttive di coach Antonio Paternoster. “Ci stiamo preparando alla nuova stagione umiltà – ha affermato il presidente Raffaele Monastero ai microfoni di ‘Tutti figli di Campanaro’ in onda su Radio Touring – con molta serenità, ma soprattutto con tanta. Il nuovo torneo rappresenta per noi un doppio esame dopo la pessima stagione scorsa. Per questo nuovo cammino abbiamo cercato di creare un gruppo affiatato e che possa continuare a unirsi strada facendo. Vogliamo assolutamente ripartire a testa bassa. Questo è un anno di rifondazione vera e propria: ci siamo rimboccati le maniche, cercando di ricostruire qualcosa di duraturo non solo per la Viola, ma per la città stessa. Il nostro intento – ha continuato – è quello di creare una realtà solida, che non si scontri ogni anno con congiunture economiche negative e che abbia una propria autonomia. È il mio obiettivo da presidente”.

Il nuovo Cda della Viola è composto da professionisti non solo reggini ma anche milanesi. “Volevamo dare – ha dichiarato ancora Monastero uno spessore di natura professionale. Il prof. Vicari per esempio è ordinario di Diritto commerciale alla Statale di Milano, è un avvocato molto noto sia in materia societaria che in materia bancaria. Sarà per noi una figura importantissima relativamente alle strategie giuridiche e legali. Ci stiamo riorganizzando sotto tutti i punti di vista”. Un roster completamente rinnovato quello del club neroarancio, con giovani talenti ed elementi di esperienza. “La nostra ambizione – ha spiegato il presidente – è quella di giocare un basket che onori il nome, i colori e la storia della Viola. Tutti i nuovi giocatori sono stati scelti sulla base delle loro motivazioni”.

Quest’anno ricorre il cinquantesimo anno della fondazione della Viola e Monastero ha ammesso che in cantiere c’è l’organizzazione di un evento “Ma è tutto top secret. Stiamo lavorando – ha precisato – per festeggiare degnamente la nostra storia”. Per quanto riguarda lo sponsor della squadra, al momento non ci sono novità: “A livello nazionale purtroppo il periodo non è positivo, non è facile portare sponsor a Reggio Calabria e nel basket. C’è qualche difficoltà rispetto al passato. Non disperiamo, le nuove figure del Cda – ha evidenziato – daranno alla Viola la possibilità di essere collocata in un mercato di un certo rilievo. Stiamo lavorando, intanto a livello locale. Colgo l’occasione per lanciare un appello a tutte le aziende del territorio che vogliono farsi rappresentare dalla Viola. Siamo disponibili ad accogliere a braccia aperte le aziende locali. Per quanto riguarda il main sponsor, stiamo battendo strade a livello nazionale”.
Monastero si è soffermato anche sul coach Paternoster: “Mi ha conquistato sin da subito. L’ho conosciuto ad Agropoli, poi ci siamo sentiti ovviamente per tutta l’estate. Caratterialmente è molto simile a me: ha una grandissima voglia di lavorare, di misurarsi, è una persona umile, che non cerca scappatoie, che vuole fare del lavoro la sua arma”.
Obiettivi della Viola? “Intanto la salvezza – ha detto ancora Monastero – poi giornata dopo giornata cercheremo di essere all’altezza della pallacanestro che vogliamo proporre, caratterizzata da un alto ritmo. Per questo motivo abbiamo scelto un roster basato su dieci giocatori di cui la metà composta da giovanissimi e l’altra metà dotata di capacità tecniche notevoli. Abbiamo giocatori del calibro di Legion, Radic e Fabi. Insomma, una rosa equilibrata in ogni ruolo”.
Da domani pomeriggio, la squadra comincerà ad allenarsi al Pianeta Viola. “Si lavorerà a porte aperte, chiunque può venire ad assistere. Poi a fine lavoro, tutti saranno disponibili a intrattenersi con i tifosi. La Viola – ha concluso – ha bisogno dell’affetto di tutti”.