Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Cosenza, dov’è l’entusiasmo? Solo 360 abbonati, Guarascio non gradisce

Cosenza, dov’è l’entusiasmo? Solo 360 abbonati, Guarascio non gradisce

Cosa ci si alla base del rapporto non idilliaco tra la città di Cosenza e il presidente della società rossoblu Guarascio non è dato saperlo.
All’attuale numero uno silano si deve la stabilità economica che la maggiore realtà calcistica cosentina ha avuto nelle ultime stagioni, dopo anni tribolati.
Eppure, secondo i dati riportati dalla Gazzetta del Sud, il tutto non si è tradotto in un buon feeling reale tra la piazza ed il rigente.
Ci sono i freddi numeri a testimoniarlo: 360 abbonati.
Davvero una miseria per una città importante come Cosenza e che, a giudicare da quanto si cantava alla fine dell’ultima stagione, vorrebbe tornare prima possibile tra i cadetti, una categoria vissuta a lungo negli anni ’90.
La buona stagione appena trascorsa si credeva potesse rappresentare la miccia destinata a far tornre l’entusiasmo totale in Sila, ma così non è stato.
Probabile che alla base della disaffezione palesata dai tifosi, almeno in termini di abbonamenti, abbiano influito la partenza del ds Melluso e di tanti calciatori che sembravano potessero costituire lo zoccolo duro per andare a caccia delle primissime posizioni.
Ma fare il passo più lungo della gamba, soprattutto in un campionato in cui ci sono potenze economiche che investiranno più del doppio del Cosenza, sarebbe potuto essere deleterio.
Ma quello silano, nonostante tutto, resta un gruppo in grado di muoversi come una scheggia impazzita in un campionato che dovrà temere il Cosenza come outsider.
Intanto, in società, pare la scarsa risposta non sia stata molto gradita e si spera che nella parte finale di agosto si possa avere un’impennata in quanto ad abbonati.