Home / Sport Strillit / CALCIO A 5 / Calcio a 5 – Sporting Locri, che colpo! Preso un grande portiere

Calcio a 5 – Sporting Locri, che colpo! Preso un grande portiere

Il portiere, classe ’92, ha già vinto uno Scudetto e due Supercoppa Italiana: Ora è pronta a rimettersi in gioco con la maglia dello Sporting
Lo Sporting Locri comunica di aver chiuso con esito positivo la trattativa che ha portato in maglia amaranto Martina Cacciola, estremo difensore, nelle ultime due stagioni alla Loggia Vernici Lazio. Il forte portiere, classe ’92, calabrese di Bagnara, rappresenta un innesto di primissimo piano, in quanto la rosa dello Sporting si arricchisce di un’atleta che, nonostante la giovane età ha già vinto uno scudetto con la maglia della Pro Reggina nel 2012, e due Supercoppa Italiana, l’ultima con la Lazio, l’anno scorso. Continua quindi la campagna di rafforzamento dello Sporting Locri che, dopo aver tesserato Roberta Giuliano e Chiara Pernazza, strappa la firma di quella che è considerata dagli addetti ai lavori una tra i più forti portieri italiani. La stessa Martina Cacciola si è dichiarata soddisfatta della trattativa che l’ha riavvicinata a casa, “Ho accettato la proposta dello Sporting, sicuramente considerando ciò che mi è stato prospettato dal DS Valentina De Leo. In questo ultimo periodo ci siamo sentite molto spesso, lei ha voluto mettermi al centro del progetto Sporting Locri; mi ha dimostrato sin dall’inizio serietà, passione, ma soprattutto ha fatto di tutto per avermi in squadra. Un progetto che è incentrato per lo più su ragazze italiane, in particolar modo calabresi, con l’ apporto di qualche straniera per alzare il livello tecnico del roster. Avevo bisogno, dopo l’anno difficile trascorso, di tranquillità e soprattutto avevo bisogno di una società che puntasse sul valore di noi italiane.”

caccio4
Cosa rappresenta per te tornare a giocare nella tua regione?
Quando, due anni fa, ho lasciato la Calabria avevo tanta pura che mi sarebbe mancata tanto. Così è stato; appena avevo la possibilità tornavo giù perché mi mancava l’aria di casa, l’aria di mare. Devo ammettere che a Roma mi ero ambientata bene, mi piaceva vivere lì, però non c’erano più le condizioni per rimanerci e così mi si è presentata questa possibilità di tornare a difendere il nome della mia regione e non c’ho pensato due volte. Spero di aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati, andare in giro per l’Italia e portare in alto il nome di una regione che, a volte, viene accostata a fatti ed avvenimenti spiacevoli. Questo sicuramente rappresenta un motivo in più per spingermi a far bene con questa maglia. Io sono orgogliosa di essere calabrese e quando scenderò in campo ci sarà un motivo in più per lottare.
Quali obiettivi ti sei posta in vista della nuova stagione? Quanto speri di poter convincere mister Menichelli a farti dare una chance in azzurro?
Sicuramente il primo obiettivo che mi sono posta è quello di crescere ancora di più a livello tecnico e mentale, so che con il lavoro, l’impegno e l’umiltà potremo, insieme al mio nuovo preparatore dei portieri e alle mie nuove compagne di reparto, toglierci tante soddisfazioni. Ho una passione smisurata per questo ruolo così affascinante e nel corso degli anni ho voluto perfezionare sempre di più le diverse tecniche di parata. Nonostante la mia giovane età vorrei mettere a disposizione della squadra l’esperienza acquisita nel corso di questi anni dove ho avuto la fortuna di allenarmi con giocatrici di assoluto valore e di giocare anche contro giocatrici di livello internazionale. Per quanto riguarda la Nazionale; ovvio, è il sogno di ognuna di noi, sarebbe il coronamento di tutti i sacrifici fatti fin qui. Non nascondo che lavoro anche per quello ma soltanto facendo bene con la mia squadra di club potrò ambire a determinati traguardi.
Rubo due righe per ringraziare chi, in questo periodo difficile, mi è stato vicino e mi ha aiutata nelle mie scelte. Vorrei ringraziare il mio ex preparatore Daniele Fogliani per tutto ciò che ha fatto per me dentro, ma soprattutto fuori dal campo. Vorrei ringraziare anche la mia famiglia che, nonostante le difficoltà che sta attraversando, mi ha sempre sostenuta in qualsiasi mia scelta e, infine i miei vecchi tifosi che non hanno mai smesso di credere in me e di dimostrarmi tutto il loro sostegno. Spero ogni domenica in casa di vedere tanta gente a sostenerci, ci toglieremo tante belle soddisfazioni. Forza Sporting Locri.