Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio Eccellenza – Gallico Catona, rinnovate le cariche sociali, martedì la “fumata bianca” per il tecnico

Calcio Eccellenza – Gallico Catona, rinnovate le cariche sociali, martedì la “fumata bianca” per il tecnico

Ben 17 dirigenti con “portafoglio”, coinvolgere nuovi sponsor, inviate ben 700 lettere illustrative con il progetto di un Gallico Catona che vuole attorno a sé sempre più sostenitori, più entusiasmo, trasmettere attraverso il calcio un messaggio positivo per i giovani. L’obiettivo è aumentare il numero degli appassionati che siederanno nella splendida struttura dello stadio Lo Presti che bisogna al più presto anche della copertura in gradinata. Si vuole raggiungere il traguardo una media di 700 presenze nella gare interne del Gallico Catona che quest’anno festeggia il suo quarto anno di simbiosi fra le realtà di Gallico e Catona.
Abbattuti così campanilismi e vecchie logiche. Un altro obiettivo prioritario e non immediato è di utilizzare quanto più possibile atleti del luogo.
Il settore giovanile del Gallico Catona ha ottenuto negli ultimi due anni tangibili riconoscimenti dalla federazione, 200 ragazzi tesserati, una scuola calcio all’avanguardia con una staff tecnico e medico di assoluto valore, un piano programmatico che integra e coinvolge le scuole e la famiglia.
Il giovane attaccante Gioele Corsaro convocato per ben due volte nella nazionale “under 17” ( è richiesto dal Benevento ?). Una bella soddisfazione per Vincenzo D’Ascola, responsabile del settore giovanile.
Tante riunioni operative, rinnovate e confermate le cariche sociali, tre nuovi soci che sono Enzo D’Ascola (responsabile anche del settore giovanile), Lorenzo Barillà e Peppe De Carlo.
Confermato alla massima carica di dirigente il commercialista Nello Violante, co- presidente Giuseppe Cartisano, vice l’avvocato Antonio Lo Presti. Il settore tecnico è coordinato dal direttore generale Natale Gatto, dal direttore sportivo Giuseppe Misiti e dal team manager Nino Labate. Responsabile marketing il vulcanico Maurizio Biondi, cassiere e segretario Mimmo Scappatura, addetto stampa Peppe Rosario Princi.
Dirigenti: Mimmo e Ciccio Richichi, Pippo Gangemi, Giuseppe Passalia, Peppe Mangano, Enzo Monorchio.
Super confermato l’indispensabile magazziniere Ciccio Reitano. Non fa più parte dei quadri societari dopo tanti anni di proficuo lavoro ( due promozioni con il Catona e tre anni con il Gallico Catona ) l’imprenditore Fabrizio Vitali.
Intanto “tuona” e lancia un allarme il “ patron” Nello Violante . “Il calcio dilettantistico, esordisce Violante, va emendato, meglio regolamentato, altrimenti si rischia il “default”, quasi tutte le società sono al collasso economico e gestionale, gravosi i rimborsi spese, la nuova fiscalità è sempre più onerosa, si chiede, conclude Violante, un incontro federale allargato a tutte le società con il bravissimo presidente Mirarchi per un’attenta analisi e riflessione del nostro settore e anche con la federazione arbitrale. Regolamentare l’utilizzo degli “over” conclude Violante che sono quelli che gravano di più economicamente sulle società”.
Questione allenatore.
La società ringrazia per la proficua collaborazione con la prima squadra il tecnico Salvatore Ripepi che ha portato a compimento il proprio lavoro con professionalità e dedizione.
Il dinamico “ diesse” Peppe Misiti ha chiaro l’identikit del nuovo condottiero. Bocche cucite sul nome, ma si intuisce che siamo alla fatidica “fumata bianca”. Affascina anche l’idea del cosentino Franco Gagliardi, ex Reggina . Altri papabili a sedere sulla panchina del Gallico Catona, Nevio Orlandi, altro ex Reggina, Graziano Nocera, Sandro Caridi e Pietro Armenise, ex allenatore della Gallicese del compianto presidente Nino Lo Presti. Martedì probabilmente la “ fumata bianca”?
Giocatori.
Il solito amletico dubbio, resteranno i top player Leo Gatto e Marco Cormaci? Tutto dipende dalle scelte che farà il neo tecnico e dalla disponibilità economica della società.
Ritornano per fine prestito il difensore Peppe Calarco dal Cittanova e il portiere Orazio Barillà dalla Palmese. Entrambi hanno fatto benissimo nelle rispettive società, è molto probabile che non rimangano nel Gallico Catona.
Punta. Si fa il nome di Koris, ex Hintereggio, Franco Corigliano, ex Castrovillari e Deliese.
Riconferme per il duttile Daniele Barillà, il difensore Oliveri, la “ bandiera” Peppe Marcianò, il “trattore” e capitano Andrea Penna, il centrocampista De Maio , “ corteggiatissimo” l’attaccante Manuel Monorchio, sarà ceduto solo su una richiesta allettante. Potrebbe rientrare ai ranghi anche La Cava. Una cosa è certa il Gallico Catona ancora una volta nel massimo campionato regionale sarà una delle sicure
protagoniste.
Giuseppe Calabrò