Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio – Cosenza, si pensa al futuro. I tifosi vogliono la B

Calcio – Cosenza, si pensa al futuro. I tifosi vogliono la B

La chiusura di stagione è stata esaltante. Il Cosenza vince in maniera straripante sull’Ischia e consolida la quinta posizione in classifica con sessanta punti. Bottino che se pronosticato alla vigilia del campionato che si è appena concluso, avrebbe portato chiunque a pensare ad un piazzamento all’interno della griglia play off. Questo è quanto successo in altri gironi, non in quello C dove il tasso qualitativo delle squadre partecipanti, ha elevato la competizione e fatto si che la quota raggiunta dal Cosenza non fosse invece sufficiente. Ed allora come non dare ragione a mister Roselli nel momento in cui sostiene che a questo gruppo nulla può essere rimproverato e che non ci potrà essere spazio per le recriminazioni. Il Cosenza va semplicemente applaudito per quanto fatto in questa bellissima cavalcata, sempre a tallonare le grandi e per alcuni momenti anche con l’illusione di poter sottrarre a queste ultime una posizione di prestigio. Detto questo, per un calcio che viaggia in maniera spedita e che non ti consente di poterti soffermare moltissimo su quanto è stato, lo sguardo va immediatamente rivolto al futuro. Sono stati molti chiari i tifosi rossoblu in occasione dell’ultima al S. Vito. Rivolgendosi al massimo dirigente Guarascio, riguardo ambizioni future e voglia di tornare dopo tanti anni a lottare per qualcosa di importante. I tempi sono maturi dopo due stagioni in cui si è registrata una crescita notevole ed alzato al cielo anche un trofeo. Adesso la palla passa alla società che nel breve volgere dovrà comunicare intenzioni e ambizioni. Partendo ovviamente da decisioni che riguardano le due figure più importanti di qualsiasi progetto, direttore sportivo e allenatore, quindi Meluso e Roselli.