Home / Sport Strillit / ALTRI SPORT / I Ferrari Club Calabria accolgono il campione cariatese Antonio Fuoco

I Ferrari Club Calabria accolgono il campione cariatese Antonio Fuoco

Sarebbe stata una bella kermesse, già solo per festeggiare la conferma nel prestigioso programma Ferrari Driver Academy del talento calabrese Antonio Fuoco. E’diventato un evento straordinario, per la presenza del Presidente degli Scuderia Ferrari Club e già Direttore Sportivo del team Ferrari F1, Massimo Rivola. L’ex n.1 del muretto ferrarista, oggi responsabile della FDA, ha voluto partecipare alla doppia festa celebrata nel castello Flotta di Mandatoriccio nella serata del sabato e a quella organizzata nel Grand Hotel Paradiso di Catanzaro Lido per la domenica. Il tris di personaggi era di altissimo livello: Antonio Fuoco , il 20enne di Cariati che fin da bimbo promette, con un percorso di successo nei kart ed un presente di assoluto spessore in Gp3, di poter puntare a grandi traguardi e poi Mauro Apicella, reggino doc, da oltre dieci anni in Ferrari con incarichi sempre più prestigiosi fino al ruolo attuale di Direttore Operativo degli Scuderia Ferrari Club. Ed ancora Massimo Rivola, due decadi in F1 con incarichi al top come Ds del team più vincente e famoso del pianeta per sette stagioni.

Due di questi tre straordinari protagonisti di questo splendido week end, sono calabresi. Una gioia palpabile, un orgoglio manifestato con grande spirito di accoglienza e genuino slancio dai Ferrari Club Ufficiali di Catanzaro, nato nel 2013 e da quello di Reggio Calabria, sancito nel 2015. Un occasione per confrontarsi sulle tematiche delle corse e dell’attività sociale dei gruppi, propaggini sempre più importanti della Ferrari. Se nessuno al mondo ha vinto quanto il team del cavallino rampante infatti, nessuno al contempo vanta lo stesso numero di tifosi ai quattro punti cardinali e soprattutto una struttura articolata e premiante quanto quella a loro dedicata dalla factory di Maranello. Una New Age del modo di vivere il tifo per la Rossa che in un decennio ha prodotto degli effetti eccezionali, tanto in termini di qualità e quantità degli eventi ufficiali, quanto in diffusione sui singoli territori, per merito degli SFC locali.

Il dr.Massimo Rivola, premiato dal presidente del club catanzarese Mimmo Tiriolo e dal suo vice Salvatore Mancuso e dai pari grado Natale Romeo e Lillo Cavallo per quello reggino, ha mostrato una volta di più la propria straordinaria caratura umana: si è prestato alle tante domande rivoltegli durante la due giorni con semplicità e disponibilità, non mancando di tratteggiare con estrema chiarezza, il suo giudizio sulle qualità ”speciali” riconosciute in Antonio Fuoco. Un tributo non da poco, considerata l’esperienza maturata da Rivola nel misurarsi con campioni come Raikkonen, Alonso e Vettel. Solo per citarne alcuni.
Lo Scuderia Ferrari Club Reggio Calabria inoltre, ha omaggiato proprio Rivola di due statue in scala dei Bronzi di Riace, come fece Lillo Cavallo nel 1983, oggi presidente onorario del sodalizio attuale, nei confronti di Enzo Ferrari. Da quell’incontro privato con il mitico Drake, fu sancita al tempo la nascita del celebre Club reggino dedicato a Gilles Villeneuve, operativo nella città dello stretto fino ai primordi del 2000.
Anche il reggino Mauro Apicella ha ricevuto un doveroso tributo per la sua brillante esperienza decennale in rosso: una carriera con pochi omologhi per la sua giovane età (32), in un azienda ambita come la Ferrari. Altri doverosi tributi sono stati consegnati a Leonardo Fuoco, kartista di valore ed a capo del Fan Club dedicato al fratello Antonio ed al procuratore Francesco Principe. Oltre al valore assoluto dei personaggi presenti, l’aspetto più importante del week end è stato registrare una volta di più il calore, il livello organizzativo e la sinergia di cui sono capaci gli Scuderia Ferrari Club di Catanzaro e Reggio Calabria. Una bella rappresentanza di berlinette 8 e 12 cilindri degli ultimi 30 anni, tanti striscioni e grande entusiasmo. L’alchimia dello Scuderia Ferrari Calabria, è decisamente di quelle destinate al successo.